Chiesa Cattolica

Angelus di Papa Francesco: “Educare alla pace”

Non dimenticare “quanti soffrono la crudeltà della guerra in tante parti del mondo, specialmente in Ucraina, in Palestina e in Israele”. È un invito costante quello di Papa Francesco che, nell’Angelus domenicale, rammenta gli auguri di pace scambiati a inizio anno, nonostante i quali “le armi hanno continuato ad uccidere e distruggere“. Il Santo Padre, per questo, ha rinnovato per l’ennesima volta, dall’inizio dei recenti conflitti alle porte dell’Europa, a pregare “affinché quanti hanno potere su questi conflitti riflettano sul fatto che la guerra non è la via per risolverli, perché semina morte tra i civili e distrugge città e infrastrutture”. Perché è la guerra stessa a essere “un crimine contro l’umanità”. Il bisogno di pace dei popoli deve essere accompagnato da un’educazione alla pace: “Dobbiamo educare alla pace. Si vede che non siamo ancora – l’umanità intera – con un’educazione tale da fermare ogni guerra”.

Pace e memoria

Anche l’immagine consegnata dal Vangelo invita a essere memori. In questo caso, del nostro primo incontro con Gesù: “Ognuno di noi ha avuto il suo primo incontro con Gesù; da bambino, da adolescente, da giovane, da adulto, adulta… Quando ho incontrato Gesù per la prima volta? Possiamo fare un po’ di memoria. E dopo questo pensiero, questo ricordo, a rinnovare la gioia di seguirlo e a chiederci: che cosa significa essere discepoli di Gesù”. L’intento è quello di “dimorare Gesù” nei nostri cuori. In primis cercando. Del resto, le prime parole che rivolge a due discepoli che lo seguivano furono: “Che cosa cercate”. Un invito a “guardarsi dentro, a interrogarsi sui desideri che portano nel cuore”. Perché “il Signore non vuole ‘followers’ superficiali” ma “persone che si interrogano e si lasciano interpellare dalla sua Parola”.

Cercare, dimorare, annunciare

Nondimeno, è il dimorare che mette in evidenza quanto cercato dai discepoli. Non notizie o informazioni e nemmeno miracoli: “Desideravano incontrare il Messia, parlare con Lui, stare con Lui, ascoltarlo… Stare con Lui, rimanere con Lui, questa è la cosa più importante per il discepolo del Signore“. La fede, infatti, “non è una teoria” ma “un incontro”, è “andare a vedere dove abita il Signore e dimorare con Lui”. Questi tre verbi (cercare, dimorare, annunciare), rappresentano la traccia per i discepoli: “Quel primo incontro con Gesù fu un’esperienza talmente forte, che i due discepoli ne ricordarono per sempre l’ora… E i loro cuori erano così pieni di gioia che sentirono subito il bisogno di comunicare il dono ricevuto”.

Damiano Mattana

Recent Posts

Antonio da Padova, il santo di tutti

Parlare di Antonio di Padova, uno dei santi più venerati della Chiesa, significa ricordare la…

13 Giugno 2024

Sant’Eliseo: ecco cosa significa il suo nome

Sant'Eliseo, profeta dell'Antico Testamento, S. ELISEO Profeta dell'Antico Testamento Palestina, ?- Samaria (Palestina), 790 a.C.…

13 Giugno 2024

Ue-Africa: le politiche migratorie dopo il voto europeo

Un ponte tra Ue e Africa dopo le elezioni europee. Oltre alla guerra scatenata dalla…

13 Giugno 2024

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di…

13 Giugno 2024

La grande sfida del G7: usare l’intelligenza (umana)

La questione del finanziamento della resistenza ucraina all’invasione russa con i beni del Cremlino all’estero…

13 Giugno 2024

Siccità in Italia: è già emergenza

"Al momento abbiamo una severità idrica alta per quanto riguarda la Sicilia, che è la regione del…

13 Giugno 2024