Attualità

Serbo-bosniaci a Onu: “La risoluzione Srebrenica è un fattore destabilizzante”

Il progetto di risoluzione sul genocidio di Srebrenica è considerato dai serbo-bosniaci un “fattore destabilizzante” per la Bosnia-Erzegovina. Zeljka Cvijanovic, membro serbo della presidenza tripartita bosniaca, ha accusato Zlatko Lagumdzija, rappresentante bosniaco alle Nazioni Unite, di violare la costituzione bosniaca con tale iniziativa.

Cvijanovic ha criticato anche l’Alto rappresentante internazionale, Christian Schmidt, definendolo un “governatore coloniale” che interferisce nei processi democratici del Paese. Schmidt ha ribadito il suo ruolo di vigilante sull’accordo di Dayton esortando il Paese a seguire il cammino europeo per rimanere unito e stabile.

Serbo-bosniaci a Onu, risoluzione Srebrenica per destabilizzare

Per i serbo-bosniaci, il progetto di risoluzione sul genocidio di Srebrenica viene utilizzato come “fattore destabilizzante” in Bosnia-Erzegovina. Intervenendo in serata in videocollegamento a una seduta straordinaria del consiglio di sicurezza dell’Onu dedicata alla situazione nel Paese balcanico Zeljka Cvijanovic, membro serbo della presidenza tripartita bosniaca, ha accusato il rappresentante della Bosnia-Erzegovina alle Nazioni Unite, Zlatko Lagumdzija (bosgnacco musulmano) – iniziatore della risoluzione – di aver violato la costituzione bosniaca avendo preso tale iniziativa senza l’autorizzazione e il consenso di tutti i tre popoli costitutivi della Bosnia-Erzegovina (bosgnacchi musulmani, serbi ortodossi e croati cattolici).

Una iniziativa, ha aggiunto che è contraria ai principi contenuti nell’accordo di Dayton che sancisce la partecipazione paritaria dei tre popoli nell’amministrazione dello Stato. Cvijanovic, come riferito dai media serbi, ha attaccato al tempo stesso l’Alto rappresentante internazionale in Bosnia-Erzegovina Christian Schmidt che, ha osservato, si comporta come “qualcuno a metà tra governatore coloniale e moderno despota”, intromettendosi nei processi democratici e decisionali in Bosnia-Erzegovina.

Lo stesso diplomatico tedesco, intervenendo anch’egli in videocollegamento alla seduta del consiglio di sicurezza, ha ribadito la funzione che ha di vigilante sull’osservanza dell’accordo di Dayton, puntando poi il dito contro la dirigenza serbo-bosniaca, a cominciare dal presidente della Republika Srpska Milorad Dodik, che non rinuncia a evocare costantemente la secessione e la separazione dell’entità a maggioranza serba dallo stato di Bosnia-Erzegovina. “Esistono minacce reali all’integrità territoriale” del Paese, ha detto Schmidt, sottolineando l’importanza del cammino europeo per la Bosnia-Erzegovina, che può mantenersi unita e stabile solo sulla base dell’accordo di pace di Dayton.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Sace: “L’export di beni italiani è in aumento”

Il report di Sace ha evidenziato che, l’export di beni italiani, subirà un incremento del…

25 Giugno 2024

Cina: proteste contro le sanzioni dell’Ue

La Cina ha protestato contro l’Unione Europea per la decisione di imporre sanzioni nei confronti…

25 Giugno 2024

Toninelli (Ispi): “Le conseguenze di un conflitto tra Libano e Israele”

Le tensioni sempre più forti tra l’esercito israeliano e Hezbollah preoccupano il mondo. Secondo l’Alto…

25 Giugno 2024

Valditara: “La scuola deve rimettere al centro la persona”

Il Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, è intervenuto alla conferenza stampa sulla Relazione annuale al Parlamento…

25 Giugno 2024

Mantovano: “Scarsa consapevolezza di quanto fa male qualsiasi tipo di droga”

A Palazzo Chigi si è svolta la conferenza stampa sulla Relazione annule al Parlamento sul…

25 Giugno 2024

Mattarella: “Dall’Intelligenza Artificiale nuove sfide alla finanza”

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Paolo Savona, presidente della Consob (acronimo…

25 Giugno 2024