Attualità

3mila armeni hanno lasciato il Nagorno-Karabakh

Quasi 3.000 armeni sono entrati in Armenia dal Nagorno-Karabakh in seguito all’offensiva militare azera che ha provocato centinaia di morti, feriti o dispersi. Ma secondo il ministero della Difesa russo “non sono state segnalate violazioni del cessate il fuoco”. Il primo ministro armeno ha puntato il dito contro gli alleati russi definendo “inefficaci” i sistemi di sicurezza esterna del suo Paese.

3mila armeni hanno lasciato il Nagorno-Karabakh

Quasi 3.000 armeni sono entrati in Armenia dal Nagorno-Karabakh in seguito all’offensiva militare azera della scorsa settimana nella regione contesa, che ha provocato centinaia di morti, feriti o dispersi. Lo riferisce il Guardian. Diverse centinaia di rifugiati hanno iniziato domenica ad attraversare il confine dal Nagorno-Karabakh, diventando i primi civili a raggiungere l’Armenia in quasi un anno e riunendo le famiglie dopo un blocco di 10 mesi da parte dell’Azerbaigian che ha portato a una disperata carenza di cibo, carburante e acqua nella capitale Stepanakert e nelle aree circostanti. Funzionari del governo armeno secessionista della regione hanno detto che intendono evacuare migliaia di sfollati dalla regione in Armenia.

Premier armeno, ‘inefficaci le attuali alleanze estere

Il primo ministro armeno, Nikol Pashinyan, ha lanciato oggi una critica velata all’alleato di lunga data, la Russia, definendo “inefficaci” gli attuali sistemi di sicurezza esterna del suo Paese. “I sistemi di sicurezza esterna in cui l’Armenia è coinvolta sono inefficaci quando si tratta di proteggere la nostra sicurezza e gli interessi nazionali dell’Armenia”, ha dichiarato Pashinyan in un discorso televisivo trasmesso pochi giorni dopo la vittoria dell’Azerbaigian nella regione contesa del Nagorno-Karabakh.

Mosca: “Nessuna violazione della tregua nel Nagorno-Karabakh”

Non sono state segnalate violazioni del cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh dal 20 settembre. Lo afferma il ministero della Difesa russo, scrive l’agenzia Tass. “Il contingente di pace russo continua la sua missione nel Nagorno-Karabakh. Mantiene i contatti con Baku e Stepanakert per evitare spargimenti di sangue, garantire la sicurezza e l’osservanza del diritto umanitario nei confronti dei civili. Non sono state segnalate violazioni del cessate il fuoco”, si legge in una nota del ministero.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Papa: “Cattolici in Cina: contributo reale alla convivenza sociale”

Papa Francesco, in un messaggio per il Convegno internazionale sulla Chiesa in Cina, intitolato “100…

21 Maggio 2024

Sale il prezzo del gasolio, scende la benzina

Prezzo del gasolio ancora in crescita mentre cala - dopo i rialzi delle settimane precedenti…

21 Maggio 2024

I Paesi Bassi forniranno l’Ucraina di carri armati

La guerra in Ucraina è giunta al giorno 818. Proseguono gli attacchi russi su Kharkiv,…

21 Maggio 2024

La raccolta fondi presidenziali tra Biden e Trump ha un chiaro vincitore

Joe Biden ha raccolto 51 milioni di dollari ad aprile per la campagna 2024, mentre…

21 Maggio 2024

San Costantino il grande, venerato in Oriente come il tredicesimo apostolo

San Costantino il grande, Imperatore Serbia, 285 ca. - Nicomedia (Turchia), 22/05/337. Non è presente…

21 Maggio 2024

Agenda 2030: la sfida dello sviluppo sostenibile

Non c'è futuro senza sviluppo sostenibile. La Snaitech Sustainability Week è la settimana ideata dall'azienda…

21 Maggio 2024