Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06
messe

«Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe»
«Rogāte ergo Domĭnum messis, ut mittat operarĭos in messem suam»

XIV Settimana del tempo ordinario – Mt 9,32-38

In quel tempo, presentarono a Gesù un muto indemoniato. E dopo che il demonio fu scacciato, quel muto cominciò a parlare. E le folle, prese da stupore, dicevano: «Non si è
mai vista una cosa simile in Israele!». Ma i farisei dicevano: «Egli scaccia i demòni per opera del principe dei demòni». Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando
nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore (1 Re 22, 17). Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».

Il commento di Massimiliano Zupi

Le folle sono come pecore senza pastore, impossibilitate perciò ad andare al pascolo, destinate piuttosto al macello. Città e villaggi sono piene di malati ed infermi, muti ed indemoniati. Rispetto ad uno spettacolo simile, è conseguente che ci sia bisogno di tanti operai che vengano ad annunciare il vangelo del Regno, a guarire e liberare il popolo. Tuttavia quel che stupisce è che questo popolo stanco e sfinito, al quale è urgente inviare
operai, sia definito una «messe»: come a dire, il campo è maturo; non c’è da seminare, né da diserbare e ripulire, ma solo da raccogliere il grano già pronto. E questo raccolto è la messe del Signore! È bello: l’umanità, con le sue piaghe e le sue miserie, è preziosa agli occhi di Dio (Is 43,4), è un campo già maturo! Basterebbe l’annuncio del vangelo – che abbiamo per Dio un Padre che ci ama – per fare fiorire e liberare tutto il buono che c’è in
ciascuno: siamo davvero a sua immagine (Gn 1,26-27)! Che il Signore mandi operai, che ci ricordino qual è la nostra verità e ci facciano diventare ciò che siamo: figli di Dio, liberi e vivi (1 Gv 3,1).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.