Scoperto ghiaccio d'acqua sulla Luna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:54

C'è ghiaccio sulla Luna. Lo indica una ricerca pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas) e coordinata da Shuai Li, dell'Istituto di geofisica e planetologia delle Hawaii.

Come spiega Ansa, i ricercatori hanno identificato la presenza del ghiaccio d'acqua grazie ai dati inviati dallo strumento Moon Mineralogy Mapper (M3) a bordo della sonda indiana Chandrayaan-1, che ha esplorato la Luna dal 2008 al 2009. Si è visto così che il ghiaccio è presente nel 3,5% delle aree perennemente in ombra di entrambe le regioni polari della Luna, dove le temperature raggiungono i a 160 gradi sotto lo zero.

Sin dagli anni '60 gli scienziati hanno ipotizzato che del ghiaccio potesse essere presente nei freddissimi crateri sempre in ombra nei poli della nostra Luna. Ora è arrivata la conferma scientifica. “Abbiamo trovato prove dirette e definitive della presenza di ghiaccio d'acqua nelle regioni polari lunari”, scrivono gli autori della ricerca. “La quantità e la distribuzione del ghiaccio sulla Luna – aggiungono – è diversa da quella di altri corpi del sistema solare interno come il pianeta Mercurio e il pianeta nano Cerere, dove però il ghiaccio d'acqua è più puro e abbondante rispetto alla Luna”.

L'acqua ghiacciata potrebbe essere arrivata sulla Luna attraverso due meccanismi: o portata dall'impatto di meteoriti e comete oppure potrebbe essere 'migrata' lentamente dall'atmosfera estremamente rarefatta della Luna verso la superficie lunare. La piccola inclinazione degli assi di rotazione di Mercurio, Luna e Cerere genera infatti depressioni nelle loro regioni polari che fungono da “congelatori” in grado di accumulare composti volatili come appunto l'acqua. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.