Rinominate 86 stelle, tutte con nomi etnici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Da oggi l'Universo è multietnico: infatti, il catalogo astronomico ufficiale delle stelle si arricchisce di ben 86 nuovi nomi, tutti ispirati a culture esotiche e di antiche civiltà. Ecco allora che a brillare nel firmamento c'è la stella “occhi di leone”, presa in prestito dalla tradizione sudafricana, la stella “nave” dal mondo arabo, fino a vocaboli delle civiltà maya, aborigeni, cinesi, copti, polinesiani e indù. Ad illustrarli è una nota ufficiale dell'Unione astronomica internazionale (Iau). “Il gruppo di lavoro che si occupa dei nomi delle stelle sta ricercando nomi tradizionali da culture di tutto il mondo, in modo da adottarne di unici che evitino confusione nei cataloghi astronomici e negli atlanti stellari – spiega il coordinatore del gruppo, Eric Mamajek -. Questi nomi ci aiutano a garantire che l'eredità immateriale astronomica lasciata nei secoli dagli osservatori del cielo provenienti da tutto il mondo sia preservata, in modo da essere usata anche nell'era dei sistemi planetari che ruotano intorno a stelle diverse dal nostro Sole“.

Nomi etnici…

Come riporta l'Ansa, la stella più luminosa che brilla nel nuovo firmamento multietnico è Delta Velorum, ribattezzata Alsephina, dal nome arabo al-safinah (la nave), usato per la prima volta nel X secolo in riferimento alla costellazione Nave Argo, che secondo i greci raffigurava la nave degli Argonauti. Nella costellazione del Toro troviamo poi la stella Theta-2 che prende il nome maya del piccolo uccello Chamukuy, mentre nella costellazione del Cane Maggiore la stella Sigma diventa Unurgunite, nome preso in prestito dagli aborigeni australiani Boorong.

…e “Meltin pot”

Non mancano poi casi di “meltin pot” stellari, usati soprattuto nei sistemi di stelle binarie. Ecco allora che in Mu1 e Mu 2 Scorpii si incontrano la cultura polinesiana e quella sudafricana: la prima stella è stata ribattezzata Xamidimura (occhi di leone), termine che indicava il sistema binario nella cultura del popolo africano Khoikhoi, mentre la seconda stella è diventata Pipirima, il nome di due gemelli appartenenti alla mitologia di Thaiti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.