Le stelle cadenti di agosto e la cometa che minaccia la Terra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:28

Tutti pronti a esprimere almeno un desiderio a partire da questa notte. In tutto il mondo, infatti, si potranno ammirare le stelle cadenti fino al 4 agosto. Pochi sanno, però, che questa pioggia di stelle è legata ad una minaccia che, nel prossimo futuro, potrebbe sconvolgere il pianeta Terra.

La storia della Swift-Tuttle

Le “strisce luminescenti” sono un pulviscolo di polveri che si generano dal ghiaccio vaporizzato rilasciato dalla cometa Swift-Tuttle, un corpo celeste scoperto nel 1862 dagli studiosi Swift e Tuttle, il cui ultimo passaggio risale al 1992. La cometa, facente parte del sistema solare, ha un'orbita ellittica che contempla la vicinanza sia alla Terra che al Sole. Approssimandosi alla Terra, il ghiacchio rilasciato dal corpo celeste si dissolve in una polvere luminescente a contatto con l'atmosfera, donando uno spettacolo unico durante le notti estive.

Una minaccia per la Terra?

Tuttavia, pochi sanno che le stelle cadenti che vedremo a partire da questa sera provengono da una cometa che in futuro potrebbe rappresentare una minaccia per la stessa Terra. Il corpo celeste, infatti, ha una rivoluzione della durata di 133 anni e la sua orbita “sfiora” il nostro pianeta. Nel 1992, il passaggio della cometa era avvenuto a circa 177 milioni di chilometri, ma nel 2126 si restringerà soltanto 24 milioni di chilometri. Ma le cose peggioreranno nel 3044, quando – secondo le prospezioni degli astronomi – la cometa dovrebbe passare a soltanto 1,6 milioni di chilometri dal pianeta. Il diametro del corpo celeste misura soltanto 26 chilometri, una dimensione simile a quello che provocò l'estinzione dei dinosauri. Una buona occasione, dunque, per esprimere buoni desideri in vista del futuro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.