Ecco il nuovo pianeta rosa del Sistema Solare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Il nostro Sistema solare si tinge di rosa. Infatti, una squadra di astronomi ha scoperto un pianeta nano ai confini del nostro universo. Farout, così è stato ribattezzato, è 120 volte più distante dal Sole di quanto non lo sia la Terra. La notizia è stata data dagli scienziati Scott Sheppard, della Carnegie Institution of Science, David Tholen, dell'Università delle Hawaii, e Chad Trujillo, dell'Università dell'Arizona Settentrionale. 

Il misterioso pianeta rosa

Farout – o 2018 Vg18, come è chiamato in codice – è stato individuato grazie al telescopio giapponese Subaru, che si trova sul vulcano Mauna Kea delle Hawaii, mentre gli astronomi erano a caccia del fantomatico nono pianeta (o pianeta X) che molti danno per certo anche se al momento non c'è nessuna prova della sua esistenza. A ottobre, lo stesso gruppo di ricercatori ha annunciato la scoperta di un altro oggetto distante del Sistema solare, chiamato 2015 Tg387 e soprannominato “The Goblin” perché è stato visto per la prima volta vicino ad Halloween. 

La scoperta

Farout è stato visto per la prima volta il 10 novembre 2018, ma si sono dovute fare più osservazioni per confermare la sua natura. La seconda volta, è stato visto all'inizio di dicembre grazie al Telescopio Magellano dell'Osservatorio di Las Campanas di Carnegie, in Cile. Le successive osservazioni fatte con il telescopio Magellano sono state utili per capire il percorso di Farout attraverso il cielo e ottenere maggiori dati sulle sue proprietà fisiche. La sua luminosità fa pensare che abbia un diametro di circa 500 chilometri, di forma sferica; ha una tonalità rosata, colore generalmente associato a corpi celesti ricchi di ghiaccio. Data la sua distanza dal Sole, Farout impiega più di mille anni per compiere un'orbita completa attorno alla nostra stella. 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.