Ecco Dream Chaser, il velivolo per le consegne spaziali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

E'previsto per il 2020 il lancio di Dream Chaser, il veicolo spaziale costruito per traspoportare carichi speciali per conto della Nasa. Grazie alle sue ali pieghevoli e alla decelerazione gentile, infatti, riesce a riportare sulla Terra gli esperimenti scientifici effettuati sulla Stazione spaziale internazionale (Iss).

Nl Week

In futuro – spiegano i tecnici della Sierra Nevada Corporation (Snc) a NI Week, il grande evento di National Instruments che ogni anno riunisce migliaia di ingegneri ed esperti da tutto il mondo ad Austin, in Texas – Dream Chaser potrà operare anche come 'stazione di servizio' dei satelliti e come piattaforma per ricerche scientifiche.

“Dream Chaser è un veicolo spaziale riutilizzabile progettato per compiere missioni in orbita bassa”, spiega Stefan Kienle, capo ingegnere dei test alla Snc. “Ad esempio possiamo portare un carico dalla Stazione spaziale sulla Terra più velocemente e con una minore accelerazione di gravità rispetto alle altre opzioni standard”.

Trasporto umano

Inoltre Dream Chaser può essere riadattato al trasporto di un equipaggio umano di sette persone, come faceva lo  Space Shuttle.

“Si tratta di un progetto complesso – conclude Kienle – per questo è importante avere piattaforme di test molto flessibili, come quelle di National Instruments. In laboratorio prendiamo singoli componenti, proviamo la loro funzionalità nelle condizioni tipiche dello spazio, poi li integriamo e testiamo ulteriormente. Infine assembliamo l'intero veicolo, che va incontro ad un'intensa campagna di test. In questo processo è fondamentale effettuare misure accurate e sincronizzate”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.