Ecco cosa sono gli “hollow” di Mercurio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:15

Come si sono formate le misteriose depressioni presenti sulla superficie di Mercurio? La risposta a questa domanda è stata data grazie a uno studio tutto italiano che ha scoperto che i cosidetti “hollow” sono le cicatrici di antichi processi di erosione superficiale dovuti alla composizione del terreno del pianeta e alla sua vicinanza al Sole. 

Lo studio

La ricerca, pubblicata sul Journal of Geophysical Research: Planets, è stata coordinata da Alice Lucchetti dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Padova ed è il frutto di una collaborazione tra inaf, Enea e le Università di Padova e Parthenope di Napoli. L'analisi delle mappe geologiche di Mercurio ha permesso di notare che le depressioni, molto brillanti e poco profonde, sono concentrate soprattutto all’interno dei crateri d’impatto. Studiando la luce solare riflessa dalla superficie degli hollow, in particolare dei crateri chiamati Velasquez, Dominici e Canova, gli studiosi sono poi riusciti a ricostruire la composizione chimica di queste depressioni, ricche di composti dello zolfo, di cromo, titanio e nichel. 

La scoperta degli hollow

Le depressioni presenti sulla superficie del pianeta sono state osservate per la prima volta nel 2010 dalla sonda Messenger della Nasa e sono simili a laghi terrestri prosciugati. L'analisi diqueste strutture sarà uno degli obiettivi scientifici della missione Bepi Colombo, dell'Agenzia Spaziale Europea e della giapponese Jaxa, il cui lancio è previsto in ottobre

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.