VENERDÌ 30 AGOSTO 2019, 11:00, IN TERRIS


HI-TECH

Se il medico non è umano

Per la prima volta in Cina robot e 5G contribuiscono a tre interventi chirurgici simultanei

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un robot in ospedale - immagine di repertorio
Un robot in ospedale - immagine di repertorio
I

l ruolo della robotica in medicina è uno dei nuovi temi per la riflessione bioetica del futuro. Lo ha messo recentemente nero su bianco il Papa in un messaggio alla Pontificia Accademia per la Vita. “Alcuni robot guidati in remoto da una squadra di chirurghi di Pechino hanno completato parti importanti di tre interventi ortopedici simultanei, condotti in altrettante località della Cina, attraverso la tecnologia wireless in 5G- riferisce l’Ansa. E’ stata la prima volta che si sono condotti tre interventi da remoto contemporaneamente, un procedimento interamente monitorato da alcuni specialisti di un ospedale della capitale cinese.


Combinazione hi-tech

“Le operazioni chirurgiche hanno avuto luogo nella provincia di Hebei, nella municipalità di Tianjin e nella Regione autonoma dello Xinjiang Uygur- sottolinea l’Ansa-. Le immagini in diretta sono state trasmesse a una squadra di chirurghi dell'ospedale Jishuitan di Pechino, mentre i robot eseguivano i comandi pre-impostati secondo la loro programmazione”. I robot sono stati progettati per svolgere molti dei compiti necessari all'intervento di ortopedia, ma altri devono ancora essere eseguiti dai chirurghi, come ad esempio l'impianto di protesi all'interno delle ossa. “La combinazione della tecnologia 5G con quella dei robot per uso chirurgico rappresenta un enorme progresso tecnologico che ci aiuterà a condividere le nostre competenze con un numero sempre maggiore di pazienti in regioni distanti del Paese”, spiega Tian Wei, responsabile dell'ospedale di Pechino e della squadra di chirurghi impegnata negli interventi-. Le persone di tutti i segmenti della società possono ora avere accesso alle migliori risorse mediche. In futuro, l'uso di robot e del 5G sarà un fatto diffuso e la comunità medica sarà più intelligente”. La medicina ha sempre più bisogno della robotica, I vantaggi sono riconosciuti. Ma occorre cautela, come spiega ad Avvenire Paolo Dario, ordinario di Robotica biomedica e fondatore dell’Istituto di Bio-robotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, insignito dall’Università Campus Bio-Medico di Roma della laurea honoris causa in Ingegneria biomedica. “Bisognerà preparare le persone a gestire queste nuove tecnologie e a mantenere la capacità di dominarle – sottolinea il professor Dario al quotidiano dei vescovi–. Questo lo si ottiene con l’educazione, la ricerca e formando medici e infermieri competenti”.


Le frontiere della robotica medica

Agli inizi degli anni ’80, in un’epoca pionieristica, molti ritenevano che fosse utopico applicare le tecnologie per assistere i pazienti, fare riabilitazione o interventi chirurgici. Oggi nessuno mette in dubbio che i robot possano essere usati in medicina. C’è ancora molta ricerca da fare, applicazioni da esplorare, però la prima collina di conoscenze scientifiche e tecnologiche è superata. Il pericolo ora è che le nuove applicazioni tecnologiche possano prendere il sopravvento.


Soluzioni sostenibili

“Lo strapotere di alcuni colossi del Web è molto più pericoloso - dichiara ad Avvenire il fondatore dell’Istituto di Bio-robotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa -. Dovremmo sempre chiederci se stiamo utilizzando tecnologie che sono utili e cos’è eticamente preferibile. I robot hanno dimostrato che nella stragrande maggioranza dei casi non sostituiscono gli uomini”. Inizialmente i chirurghi avevano il timore che potessero sostituirli, ma non è successo: oggi sono loro stessi i più convinti sostenitori di questi strumenti di grandissima precisione in grado di realizzare meglio le loro intenzioni. Ma è sempre il chirurgo che decide, pianifica e controlla. “Faranno progressi ogni strumento tecnologico già utilizzato per la chirurgia di precisione, per le riabilitazioni, per l’assistenza domestica a persone con problemi motori, così come le protesi bioniche- sottolinea il professor Dario-Non è facile prevedere le innovazioni radicali. Esistono comunque grandi tendenze dove si concentrerà la ricerca. Si pensi all’invecchiamento della popolazione: sono necessarie soluzioni che funzionino, sostenibili e accettabili eticamente ed economicamente, non si può puntare solo alle badanti e neppure gravare più di tanto su famiglie sempre meno numerose. Altre soluzioni saranno legate alla qualità della vita, al benessere e all’attività fisica.

TAGS
cina robot wifi 5g
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vacanze
FERIE

In vacanza a settembre 3 italiani su 10

Come cambiano i flussi turistici: giovedì a Roma un convegno sulle prospettive di un settore-chiave (5% del pil)
Test dell'Hiv
MESSINA

Nasconde l'Hiv e contagia 4 donne

Una di loro, l'ex compagna da cui aveva anche avuto un figlio, è poi morta
SANITÀ

Muore per una semplice trasfusione

Secondo le prime indagini, alla base uno scambio d'identità
La certificazione del record (foto Ansa)
RECORD

Il profiterole da Guinness è Made in Italy

Per realizzare la torta i pasticcieri di Latina hanno usato novemila bigné. Il primato precedente era svizzero
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
GOVERNO

Conte II, giurano i sottosegretari

La cerimonia si è tenuta a Palazzo Chigi
Norcia, terremoto del 2016
TERREMOTO

Scossa 3.0 in Umbria

Quattro eventi nel giro di 20 minuti con epicentro a Norcia
PENSIONE

Riscatto laurea: si studia sconto anche per lavoratori pre-1996

La norma attuale prevede agevolazioni per chi versa i contributi da dopo il 1996. Nel 2019 già 32mila domande
Willy il Coyote e Bee-Beep - Foto © Looney Tunes
TELEVISIONE

Buon compleanno Willy il Coyote, 70 anni senza arrendersi

Il 16 settembre 1949 nasceva dalla penna di Chuck Jones il cartone animato-simbolo della ricerca della felicità