GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2019, 11:00, IN TERRIS


MUSICA E TECNOLOGIA

L'intelligenza artificiale sa scrivere le canzoni

I primi esperimenti sono stati condotti in Canada all'università di Waterloo

MILENA CASTIGLI
Intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale
L'

intelligenza artificiale (Ia) ha imparato a scrivere canzoni. I nuovi "cervelli" elettronici sono in gardo di copiare lo stile dei singoli artisti e di comporre testi di nuove canzoni in totale autonomia, inventando perfino metafore. Lo riporta ArXiv, il sito che traccia gli articoli scientifici prima della revisione in vista della pubblicazione ufficiale. I primi esperimenti sono stati condotti in Canada all'università di Waterloo e - a detta degli stessi informatici che seguono il progetto - sembrerebbero molto incoraggianti.


Il progetto

"Questo progetto nasce dalla mia passione per la musica: ero curiosa di capire se una macchina potesse generare versi che ricordano i testi dei miei artisti preferiti", spiega la ricercatrice Olga Vechtomova sul sito TechXplore e ripresa da Ansa. "Lavorando sui modelli generativi di testo, il mio gruppo di ricerca ha scoperto che le reti neurali possono generare versi emozionanti. Così ci è venuto spontaneo indagare se una macchina potesse apprendere l'essenza dello stile di un artista musicale, che include la scelta delle parole, dei temi e la struttura delle frasi, con l'obiettivo di generare nuovi versi che possano sembrare dell'artista stesso".

L'addestramento della rete neurale, condotto grazie a uno speciale algoritmo (Variational Autoencoder, Vae) che apprende ricostruendo i versi dei testi originali, ha permesso di ottenere nuovi testi sovrapponibili a quelli tradizionali. "Sebbene contengano spesso le stesse parole usate dall'artista - puntualizza Vechtomova - le usano in modi nuovi e interessanti, esprimendo nuovi concetti che non si trovano nelle liriche originali. Alcuni versi veicolano nuove e potenti immagini poetiche, espresse usando strumenti stilistici come metafore e ossimori, sempre fedeli allo stile dell'artista". L'obiettivo, spiega la ricercatrice, è quello di aiutare i parolieri "in carne ed ossa" nel processo creativo fornendo loro nuove ispirazioni. E un giorno, forse, accanto agli artisti umani ci saranno anche quelli "meccanici".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BOLOGNA

Smantellato cartello di agenzie funebri, 30 arresti

I militari stanno procedendo anche ad un sequestro preventivo di beni per circa 13 milioni di euro
L'esplosione
FRANCIA

Esplosione in un'università di Lione

La deflagrazione avrebbe coinvolto la biblioteca scientifica dell'ateneo
Intervento del card. Bassetti in Sala Zuccari del Senato
SENATO

Andreotti: "Ho combattuto la mafia con atti pubblici"

Presentato ieri il libro "I miei santi in paradiso". Card. Bassetti: "Si battè per collocare l'Italia...
Caporalato
LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata
Il germoglio di cotone coltivato sulla Luna dai cinesi

Il cotone sulla Luna

Nata una piantina di cotone sulla Luna, in una serra appositamente allestita da cinesi, in conseguenza di un programma...
Mark Zuckerberg
LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate