GIOVEDÌ 07 MARZO 2019, 11:00, IN TERRIS


ISTRUZIONE

L'app per i bimbi siriani che scappano dalla guerra

Si chiama "Antura e le lettere" e insegna l'arabo ai rifuguati nei campi profughi

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bambini siriani mentre usano Antura
Bambini siriani mentre usano Antura
S

i chiama "Antura e le lettere" ed è un'applicazione - scaricabile da tutti i pricipali store digitali - che si rivolge ai bimbi siriani costretti a scappare dal proprio Paese a causa della guerra

L'obiettivo? “Insegnare l’arabo ai 2,3 milioni di minori siriani rimasti fuori dai circuiti educativi perché si trovano in campi di rifugiati (soprattutto in Libano, Giordania e Turchia) o perché impossibilitati a raggiungere una scuola”, spiega all’Agi una delle menti dietro al progetto, l'italiano Francesco Cavallari. Dietro ad Antura c’è un consorzio di cui fanno parte il Game Lab di Colonia, lo studio libanese Wixel e Video games without borders (Vgwb), l’associazione no profit spagnola fondata da Cavallari, che aggiunge: "L'idea alla base di Vgwb è massimizzare il contributo positivo dei videogiochi alla società”.


Due milioni di bimbi rifugiati

Lanciata a marzo 2018 dopo un anno di sviluppo, l’app è un esempio della cosiddetta gamification, la tecnica che prevede di utilizzare gli strumenti tipici del gioco per altri scopi, in genere educativi, come in questo caso: l’insegnamento. “L’obiettivo è duplice: oltre a imparare a leggere in arabo, la questione riguarda il miglioramento del benessere psico-sociale dei più giovani che, in teatri di guerra, hanno vissuto traumi. Lavoriamo soprattutto su autostima, capacità di concentrazione, problem solving; l’app serve come antistress”.

Dopo la cultura, il prossimo traguardo è l’integrazione. “Secondo noi il primo passo per l’integrazione è la lingua, per questo motivo lavoriamo a progetti di alfabetizzazione”, compreso l’insegnamento di lingue diverse da quella madre. Lo faranno in Uruguay dove, in estate, verrà lanciato un sistema rivolto ai bimbi delle elementari per insegnar loro l’inglese.


Italia

E l’Italia? Ancora è indietro, purtroppo. Nonostante il Bel Paese sia “Una priorità, visto il flusso migratorio che la riguarda", finora, evidenzia Cavallari, "abbiamo avuto difficoltà a trovare partnership adeguate per avere impatto e migliorare la vita delle persone. Non farò qualcosa soltanto perché sono italiano, servono collaborazioni con chi si occupa di accoglienza per consentire a migranti e rifugiati di sapere che esistono questi strumenti”, conclude.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile