SABATO 23 MARZO 2019, 11:00, IN TERRIS


CYBERSECURITY

Attacchi hacker contro il 55% delle aziende

Interruzione dei servizi, problemi con l'integrità e predita dei dati le conseguenze

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Sicurezza informatica
Sicurezza informatica
S

icurezza informatica sotto attacco in Europa. Nell'ultimo anno, infatti, più della metà delle aziende italiane ed europee - rispettivamente il 55% e il 54% - ha dichiarato di aver affrontato almeno un attacco informatico con pesanti ricadute su attività e ricavi. Tra gli effetti negativi più frequenti, ci sarebbero l'interruzione dei servizi (31%), problemi con l'integrità dei dati (18%) e perdita dei dati stessi (15%). Lo scrive l'indagine condotta da Kaspersky Lab sulla cybersecurity nella Ue.


Paesi a rischio

La ricerca evidenzia che Regno Unito e Spagna sono i Paesi che si trovano a fronteggiare la maggior parte dei rischi: il 64% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di aver avuto esperienza di un attacco informatico negli ultimi due anni. Non va molto meglio nel Bel Paese. "In Italia - spiegano i ricercatori - questo dato è piuttosto alto, pari al 55%, soprattutto se messo a confronto con la situazione riscontrata in altri paesi, come la Germania (49%) o la Romania (37%)". "Pur potendo contare solitamente su budget per l'Information Technology più consistenti rispetto a quanto viene stanziato dalle piccole e medie imprese, le grandi aziende che hanno dovuto affrontare un cyberattacco sono state pari al 64%, contro il 45% delle Piccole e medie imprese".


Tempi di risposta

Oltre due terzi (72%) delle organizzazioni europee coinvolte nell'indagine di Kaspersky Lab ha dichiarato di essere in grado di scoprire un'eventuale violazione al massimo entro otto ore; diversamente per il 25% delle aziende che non riescono ad intervenire tempestivamente. In Italia, il 78,1% degli intervistati dichiara tempi di risposta sotto le 8 ore, mentre il 21,1% afferma di non riuscire ad essere altrettanto tempestivo. "I risultati dell'indagine confermano una tendenza che sottolineiamo da diverso tempo: gli attaccanti che riescono a penetrare all'interno di un'organizzazione a volte non lasciano alcuna traccia", commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
 Alexei Navalny
RUSSIA

Mosca: rilasciato il dissidente Alexei Navalny

Era stato arrestato sotto casa lo scorso 24 luglio
Il viadotto crollato
ANCONA

Crollo cavalcavia A14: Procura, 22 a processo

Richiesta per 18 persone e 4 società; l'udienza preliminare si terrà il 9 dicembre
Sacedote esorcista
MEETING RIMINI

Esorcisti: “Esistenza reale del diavolo è verità di fede”

"La Chiesa mette in guardia da coloro che lo ritengono solo un simbolo"
Donald Trump

La Groenlandia, gli europei e gli americani

Donald Trump non si recherà più in visita di Stato nel regno di Danimarca. Infatti il Tycoon presidente,...