News REGNO UNITO

GIOVEDÌ 21 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Hammond ottimista, ma Juncker...

Il cancelliere dello Scacchiere: "Svolta a breve". Pessimista il presidente della Commissione

EDITH DRISCOLL
Brexit
U
na svolta nei colloqui sulla Brexit potrebbe arrivare nei "prossimi giorni". Lo ha dichiarato il cancelliere dello Scacchiere, Philipp Hammond, ricordando che la Camera dei Comuni dovrebbe votare la prossima settimana, il 27 febbraio, l'accordo modificato di divorzio dalla Ue, che la premier Theresa May sta provando a raggiungere con Bruxelles. "Dipenderà dai progressi fatti nei prossimi giorni", ha detto Hammond alla Bbc, "i negoziati vanno...
LUNEDÌ 18 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Corbyn perde pezzi: in 7 lasciano il Lab

Il leader alle prese con la scissione dei deputati centristi, accuse di autoritarismo e antisemitismo

REDAZIONE
Jeremy Corbyn
P
erde sette pezzi in un colpo il Labour Party, alle prese con un malcontento generale che ha come fulcro quello che, in teoria, dovrebbe essere l'appiglio: il leader Jeremy Corbyn. Troppe incomprensioni, andirivieni, poca chiarezza sul Piano B: le versioni possono essere tante e, almeno stando ai fatti, è così che devono averla pensata Mike Gapes, Angela Smith, Ann Coffey, Gavin Shuker, Luciana Berger, Chris Leslie e anche il giovane Chuka "British...
GIOVEDÌ 14 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Il post Brexit resta un'incognita

Sinora Londra ha stretto accordi economici con soli 7 Paesi legati all'Ue

REDAZIONE
Liam Fox, ministro britannico del Commercio internazionale
R
esta un'incognita il futuro economico del Regno Unito dopo la Brexit. Lo dimostrano, fra le altre cose, i soli 7 accordi stretti da Londra con altrettanti Paesi, fra i 69 che hanno già scambi con l'Ue.  Numeri allarmanti In termini di reddito, il Regno di sua maestà finora è riuscito a garantirsi solo 16 miliardi di sterline dell'attuale giro d'affari che ammonta a un totale di 117 miliardi. A fornire i numeri, allarmanti per l'industria...
LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Brexit, May rifiuta il piano di Corbyn

La premier ha declinato l'offerta inviata dal leader dei laburisti sull'accordo con l'Ue

REDAZIONE
Theresa May e Jeremy Corbyn
S
i avvicina inesorabile il 29 marzo, data prefissata per l'uscita ufficiale del Regno Unito dall'Ue, ma continua a regnare l'incertezza sul destino della Brexit.  Il piano rifiutato Come emerso nel voto dello scorso 15 gennaio, la premier non può contare su una maggioranza nella Camera dei Comuni. Il suo accordo con l'Ue era stato, infatti, bocciato dal Parlamento britannico. La vicenda backstop continua ad essere il pomo della discordia che divide i Tories. Un...
GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Juncker gela May

Il presidente della Commissione: "Non rinegoziamo l'accordo"

EDITH DRISCOLL
Jean Claude Juncker e Theresa May
N
essuna riapertura delle negoziazioni sull'accordo di ritiro del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, dopo l'incontro con la premier britannica, Theresa May, per uscire dallo stallo sulla Brexit.   Lo stop May, ha riferito la portavoce dell'esecutivo comunitario Margaritis Schinas, "evocato diverse opzioni" per ottenere una modifica dell'accordo di ritiro e in...
MERCOLEDÌ 06 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Juncker: "L'accordo sul backstop non si discute"

Il presidente della Commissione Ue: "L'uscita del Regno Unito è una questione europea"

REDAZIONE
Jean Claude Juncker
L'
accordo sul backstop non si discute. Il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, lo ribadirà alla premier britannica, Theresa May, che a breve volerà a Bruxelles per rinegoziare i termini dell'intesa sulla Brexit.  Irlanda "Siamo completamente d'accordo su Brexit con il primo ministro irlandese - ha detto Juncker nel corso di una conferenza congiunta con Leo Varadkar, premier dell'Eire - la Commissione, io stesso, Michel...
MERCOLEDÌ 06 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

May rassicura l'Irlanda del Nord

La premier: "Nessun confine fisico con il Regno Unito". Giovedì nuova missione a Bruxelles

REDAZIONE
Theresa May
N
essun "confine fisico" tra l'Irlanda del Nord e la Gran Bretagna. Lo ha ribadito la premier Theresa May sottolineando che questo è il motivo "per cui è stato respinto il backstop", ha dichiarato. Nessun confine May ha spiegato inoltre che vuole assicurarsi che "i meccanismi di cooperazione nord-sud esistenti possano continuare". La leader Tory ha raccontato di aver parlato con le imprese e con le persone che vivono al confine e sa quanto...
LUNEDÌ 04 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

May: "Si chiude entro marzo"

La premier: "Dopo il voto in parlamento andrò a Bruxelles con un nuovo mandato"

LUANA POLLINI
Theresa May
T
heresa May è "determinata" a realizzare a chiudere la partita Brexit entro marzo e, dopo il voto in Parlamento che le ha richiesto "un accordo alternativo" per il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d'Irlanda, promette di andare a Bruxelles con un "nuovo mandato, nuove idee e una rinnovata determinazione". Il piano In una lettera al Telegraph, la premier insiste che cercherà un'"alternativa" al "backstop"...
LUNEDÌ 04 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Altri Paesi europei riconoscono Guaidò

Per Francia, Svezia, Gb e Spagna è lui il presidente. Mosca non ci sta

EDITH DRISCOLL
Juan Guaidò
S
empre più Paese occidentali stanno riconoscendo Juan Guaidò quale legittimo presidente ad interim del Venezuela.  Francia e Spagna "Consideriamo che oggi il presidente dell'Assemblea Nazionale, Juan Guaidò, la cui legittimità è perfettamente riconosciuta, sia abilitato a convocare le elezioni presidenziali" ha detto all'emittente di stato France Inter il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian. "Sembra chiaro a tutti,...
DOMENICA 03 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Pronto il piano salva-regina in caso di no deal

Nell'ipotesi di uscita senza accordo, Londra considera la possibilità di evacuare la famiglia reale in caso di disordini

REDAZIONE
Elisabetta II
N
on solo risvolti politici o, perlomeno, non direttamente connessi al futuro socio-economico del Paese: la Brexit ha messo in conto diversi aspetti, pensando a tutte le possibilità dall'accordo pacifico al "no deal". E, proprio nell'ottica di quest'ultima ipotesi, il governo britannico ha ritenuto opportuno valutare un piano che, rispecchiando l'inno nazionale, andrebbe a mettere in salvo la regina in caso di disordini. Un piano remoto, certo, ma comunque...
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52