News NIGERIA

GIOVEDÌ 28 MARZO 2019, IN TERRIS

Rapito un sacerdote, la Chiesa lancia un appello per il suo rilascio

Si tratta di padre John Bako Shekwolo, parroco della chiesa di Santa Teresa di Ankuwa

CAROLINA GARCIA
padre John Bako Shekwolo
"S
iamo spiacenti di annunciare che uno dei nostri sacerdoti è stato rapito da ignoti. Mentre chiediamo ai fedeli di pregare per un rapido rilascio di padre Shekwolo, facciamo appello alle coscienze di coloro che lo hanno rapito perché lo rilascino incolume". Con queste parole, il Cancelliere dell'arcidiocesi di Kaduna (Nigeria), monsignor Daniel J. Kyomm, ha comunicato l'ennesimo rapimento di un sacerdote. La notizia è riportata dal sito Vatican News. La...
MERCOLEDÌ 13 MARZO 2019, IN TERRIS

Crollo di una scuola elementare

Almeno 13 i morti, incerto il numero dei piccoli ancora intrappolati

REDAZIONE
S
ono almeno 13 i morti per il crollo di un edificio di tre piani che ospitava anche una scuola elementare a Lagos. Lo riferisce un funzionario del governo statale, aggiungendo che gran parte delle vittime sono bambini che si trovavano in classe al momento del crollo. Al momento sono state tratte in salvo più di 50 persone, tra cui almeno 8 feriti, secondo quanto riferito dal portavoce della polizia, Baba Elkana. Resta incerto il numero dei piccoli intrappolati e causa...
SABATO 23 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

L'ombra di Boko Haram sulle elezioni

In 83 milioni sono chiamati alle urne in un clima di paura. Esplosioni a seggi aperti a Maiduguri

EDITH DRISCOLL
Nigeriani al voto
U
na serie di esplosioni ha scosso la città nord-orientale di Maiduguri, proprio prima dell'apertura dei seggi per le elezioni presidenziali e legislative.  Nel mirino Il centro abitato è stata spesso colpito da attentati del gruppo jihadista Boko Haram. Le deflagrazioni sono state udite dai residenti intorno alle 6.00 e le cause al momento sono ignote. Giovedì almeno 59 persone sono morte in un tentato attacco nel villaggio di Danjibga nel nordovest,...
SABATO 16 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Voto posticipato, tensione in Nigeria

La commissione elettorale ha rimandato le urne per "deficit di materiale". Malumore fra i cittadini

REDAZIONE
Proteste contro la posticipazione del voto
S
ituazione complicata in Nigeria, dove la commissione elettorale ha posticipato il voto delle prossime elezioni presidenziali al 23 febbraio solo qualche ora prima che queste avessero luogo. Una decisione che non ha mancato di scatenare il malcontento popolare ma che è stata giustificata ponendo la questione della mancata consegna dei materiali elettorali in alcune zone del Paese, con la promessa di specificare meglio l'intoppo nelle prossime ore. A dare la notizia è stato lo...
MERCOLEDÌ 13 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Fuga in massa durante un comizio, è strage

Lo riporta la Bbc. La folla radunata nello stadio per il comizio del presidente Buhari. Ancora incerto il numero delle vittime

REDAZIONE
Il comizio a Port Harcourt prima della fuga
F
inisce in tragedia il raduno elettorale del presidente Muhammadu Buhari, in Nigeria: il comizio del politico infatti, organizzato nello stadio di Port Harcourt, nella zona meridionale, si è trasformato in un enorme stampede per ragioni ancora da chiarire, con conseguente morte per schiacciamento di un numero imprecisato di persone. Secondo quanto riferito dalla Bbc, citando funzionari locali, il comizio era stato organizzato in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari che si...
VENERDÌ 08 FEBBRAIO 2019, IN TERRIS

Le vie della tratta sono (quasi) infinite

In italia, circa 9 milioni i clienti, le vittime tra le 75 mila e le 120 mila, di cui il 37% minorenni

DARIA ARDUINI
Tratta
"A
nche se cerchiamo di ignorarlo, la schiavitù non è qualcosa di altri tempi. Di fronte a questa realtà tragica, nessuno può lavarsi le mani se non vuole essere in qualche modo complice di questo crimine contro l'umanità. Non possiamo ignorare che oggi esiste la schiavitù nel mondo, tanto o forse più di prima. Preghiamo per l'accoglienza generosa delle vittime della tratta delle persone, della prostituzione forzata e della violenza"....
VENERDÌ 18 GENNAIO 2019, IN TERRIS

Boko Haram di nuovo in azione, centinaia di soldati uccisi

Migliaia di persone sono state costrette a fuggire verso zone più sicure del Paese

REDAZIONE
S
ono oltre cento i militari dell'esercito che sono stati uccisi durante l'escalation di violenza alimentata da una fazione del gruppo jihadista di Boko Haram. Gli scontri, che si sono verificati soprattutto nel nord est della Nigeria, sono in corso dal 26 dicembre e, stando a quanto reso noto da diverse agenzie umanitari, migliaia di persone sono state costrette a fuggire verso zone ritenute più sicure in Nigeria e oltre il confine con il Ciad.  L'ombra dei terroristi...
VENERDÌ 28 DICEMBRE 2018, IN TERRIS

Task force multinazionale attaccata da Boko Haram

Il gruppo jihadista ha assaltato e invaso una base Mnjtf. Morto un militare della marina

EDITH DRISCOLL
Miliziani di Boko Haram
M
iliziani appartenenti al gruppo jihadista di Boko Haram hanno attaccato due basi militari nella Nigeria nordorientale e sono arrivati a occupare la sede della Task Force multinazionale congiunta (Mnjtf), creata per combattere proprio la sigla terroristica sunnita. L'attacco Le autorità nigeriane hanno riportato che i miliziani islamisti hanno invaso la base della Mnjtf, forza composta dagli eserciti di Nigeria, Ciad, Camerun, Niger e Benin, nella città di Baga nei...
LUNEDÌ 19 NOVEMBRE 2018, IN TERRIS

Quel filo rosso tra voodoo e prostituzione

Così gli sfruttatori si servono dei rituali per assoggettare le giovani africane in Italia

NICO SPUNTONI
Murales dedicato alle vittime della tratta
I
dati più aggiornati rilasciati dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ci dicono che sulle coste italiane sono sbarcate 172 mila e 301 persone nel 2017. La Nigeria si conferma al primo posto nella classifica dei Paesi di provenienza dei migranti approdati in Italia con quasi 18 mila arrivi. Se si analizzano in maniera più approfondita i dati generali relativi alla presenza di questa comunità nel Belpaese, si può notare come sia...
MERCOLEDÌ 14 NOVEMBRE 2018, IN TERRIS

Liberati i quattro sacerdoti rapiti

I religiosi erano stati presi in ostaggio da un gruppo formato probabilmente da pastori Fulani

REDAZIONE
Un pastore Fulano
L'
agenzia Fides ha diffuso la notizia della liberazione dei quattro sacerdoti nigeriani rapiti ad Abraka nello Stato del Delta. I religiosi erano stati prelevati martedì scorso da uomini armati non identificati. Si crede che i responsabili possano essere pastori Fulani di fede mussulmana che stanno massacrando gli agricoltori cristiani per impossessarsi delle loro terre. Il rilascio La liberazione dei quattro sacerdoti sarebbe avvenuta nella notte del 9 novembre ma la notizia...
NEWS
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua
MIGRANTI

Barca capovolta davanti la Libia, forse 100 vittime

La segnalazione è stata lanciata da Alarm Phone
Via del Colosseo a Roma
CENTRO STORICO

Affittopoli, la fake dei rincari: casa al Colosseo a 133 euro

Castiglione: "Vogliamo restituire queste risorse alla comunità"
ESECUTIVO IN CRISI

Governo, il giorno della verità

L'intervento di Conte e le mosse politiche
Proteste a Hong Kong
WEB

Hong Kong, rimossi account fake contro la protesta

Twitter e Facebook bannano gruppi e pagine che sarebbero stati creati dalla Cina per screditare i manifestanti
Euro

Polvere negli occhi

Ogni volta che sento parlare di tagli alle spese pubbliche per partiti politici, o del taglio di parlamentari, solo per...