News LIBANO

MARTEDÌ 26 NOVEMBRE 2019, IN TERRIS

Raffiche di mitra a Beirut

Proseguono gli scontri tra i manifestati antigovernativi e i rappresentanti dei partiti sciiti

MILENA CASTIGLI
Polizia libanese
R
n gruppo di uomini armati con dei fucili automatici ha sparato diverse raffiche di proiettili nella notte a Beirut. Colpi di arma da fuoco sono stati uditi ripetutamente nei pressi dell'incrocio stradale di Cola, poco lontano dal centro della città. Lo ha constatato un giornalista dell'Ansa che era sul posto. Tensioni anti governative L'esercito libanese si era dispiegato ieri sera in forze nei pressi delle strade che dividono i quartieri controllati dai...
DOMENICA 27 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Libano, il Papa: "Cercare la soluzione nel dialogo"

La preghiera all'Angelus del Pontefice per il Paese in protesta: "Torni a essere terra di convivenza pacifica"

DM
Il Papa all'Angelus
C
hiude il Sinodo con una Santa Messa Papa Francesco e, nel successivo Angelus, traccia il filo rosso che unisce intenti e risultati ottenuti nei giorni di assemblea: "La prima Lettura, dal Libro del Siracide, ci ha ricordato il punto di partenza di questo cammino: l’invocazione del povero, che 'attraversa le nubi', perché 'Dio ascolta la preghiera dell’oppresso'". E, ha precisato il Pontefice, "il grido dei poveri, insieme a quello della...
LUNEDÌ 16 SETTEMBRE 2019, IN TERRIS

Medio-Oriente, boom di matrimoni di gruppo

Tante le richieste in Libano. I giovani: "Oggi le nozze sono un lusso"

MARCO GRIECO
Un momento delle nozze di massa celebrate a Bkerke - Foto © Dalia Khamissy per The New York Times
S
posarsi non è più un affare privato. Se da un lato aumentano i format televisivi dove le nozze, un tempo relegate alla dimensione familiare, diventano il pretesto per uno spettacolo pubblica, dall'altro in alcuni Paesi medio-orientali è sempre più consueto il cosiddetto matrimonio di massa. In Libano, per esempio, possono essere organizzati finanche 34 matrimoni al giorno, come nel caso documentato dal quotidiano statunitense The New York...
GIOVEDÌ 25 LUGLIO 2019, IN TERRIS

Libano: l'inferno dei campi profughi

Presentato il report di Operazione Colomba: le violenze contro i rifugiati Siriani sono in aumento

WILLIAM VALENTINI
Uno scatto da furi il campo
I
l Libano è un piccolo Paese di circa 6 milioni di abitanti. A partire dal 2012, dopo l'esplosione della crisi siriana, è stato oggetto di un importante flusso migratorio proveniente proprio dalla vicina Siria. E così, nel giro di pochi anni, una regione grande la metà della Lombardia si è trovata ad accogliere quasi due milioni di disperatii che scappavano dalla guerra. “La crisi dei profughi siriani nel Paese ha aspetti di assoluta novità,...
GIOVEDÌ 27 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Libano: Stop alla vendita di beni immobiliari cristiani ai musulmani

Per cercare di mantenere inalterati i fragili equilibri demografici del Paese

MILENA CASTIGLI
Cristiani libanesi
N
ella municipalità di Hadath, inserita nel distretto urbano di Baabda - parte dei sobborghi meridionali di Beirut in Libano - le autorità locali confermano le disposizioni amministrative miranti a impedire che le terre e le case appartenenti a proprietari cristiani siano vendute ad acquirenti musulmani. In quell’area urbana si è assistito nel recente passato a un crescente attivismo immobiliare da parte di esponenti della comunità mussulmana sciita, che...
MARTEDÌ 25 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Apre il primo Giardino dei Giusti del Libano

Alberi di olivo in onore di dieci Giusti dell’umanità appartenenti a etnie, religioni e credi diversi

MILENA CASTIGLI
 Giardino di Yad Vashem a Gerusalemme
D
opo Israele, un Giardino dei Giusti anche in Libano. Sabato 29 giugno a Kfarnabrakh, villaggio a 45 km circa da Beirut, capitale libanese, sarà inaugurato il primo Giardino dei Giusti del Libano con la dedica di dieci alberi di olivo in onore di dieci Giusti dell’umanità appartenenti a etnie, religioni e credi diversi. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra Gariwo e l’associazione libanese Annas Linnas, sarà realizzata all’interno del...
MARTEDÌ 18 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Il Medio Oriente si sta svuotando dei cristiani

L’allarme della Chiesa maronita riunita nel sinodo annuale

MILENA CASTIGLI
Un cristiano prega in una chiesa distrutta ad Aleppo
U
n Medio Oriente senza cristiani. Il sinodo annuale della Chiesa maronita (svoltosi in due fasi dal 5 all’8 giugno, poi dal 10 al 15 giugno in Libano) si è concluso sabato scorso con una "grave scoperta", come emerge dall’espressione usata nel comunicato finale per parlare dell’argomento: il Medio Oriente, partendo proprio dal Libano che presenta una situazione particolare, si sta svuotando dei cristiani.  Il sinodo Affrontando questo...
SABATO 15 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Save The Children: "Futuro incerto per i bimbi rifugiati siriani"

Rase al suolo le strutture di Aarsal non costruite esclusivamente in legno o plastica

MILENA CASTIGLI
Il campo rifugiati siriani di Aarsal in Libano
L
a decisonione di demolire le abitazioni ad Aarsal - città libanese a 124 chilometri a nord-est di Beirut, nel distretto di Baalbek, con popolazione prevalentemente sunnita denominata - rendono incerto il futuro di migliaia di bambini rifugiati siriani e delle loro famiglie. La decisione delle autorità libanesi di radere al suolo qualsiasi struttura utilizzata dai rifugiati che non sia stata costruita esclusivamente in legno o plastica mette in dufficoltà molti dei...
DOMENICA 16 DICEMBRE 2018, IN TERRIS

L'esercito: "Scoperto il quarto tunnel di Hezbollah"

Il passaggio porta dal Libano al territorio israeliano. Un portavoce militare afferma: "Grave violazione della Risoluzione 1701"

REDAZIONE
Uno dei presunti tunnel di Hezbollah
D
al Libano a Israele, passando sotto la superificie: questo il percorso del quarto tunnel di Hezbollah scoperto dall'esercito israeliano. Un passaggio che, secondo quanto riportato da un portavoce militare, "si trova sotto il controllo delle forze armate israeliane e non costituisce una imminente minaccia", per poi sottolineare che "chiunque entri dal lato libanese perde la sua vita", in quanto l'esercito ha "posto cariche esplosive nella galleria sotterranea, e...
GIOVEDÌ 13 DICEMBRE 2018, IN TERRIS

Hariri: "Netanyahu non vuole la pace"

Il premier libanese: "Se Israele ci attacca non vincerà la guerra"

EDITH DRISCOLL
Il premier libanese Hariri
"S
e Israele decide di attaccare il Libano, non riuscirà a vincere la guerra. Io sono convinto che Netanyahu non voglia la pace, lui vuole prendersi un piccolo pezzo di Libano, così come un piccolo pezzo di Giordania e un piccolo pezzo di Palestina". Lo ha detto il premier libanese, Saad Hariri, durante una conferenza stampa tenutasi nel centro studi Chatham House, a Londra.  Tensione alle stelle Al confine tra i due Paesi la situazione è altamente...
NEWS

Correte incontro al Signore con Maria Immacolata

L'Avvento è il tempo dell'attesa. “L’andare incontro al Signore”, cui ci invita la...
MILANO

Scontro bus-camion rifiuti: morta la donna in coma

Indaga la polizia locale, forse il mancato rispetto della precendeza all'origine dello schianto
La ragazza pakistana rapita - ©Asia News
ASIA

Pakistan, 14enne cristiana rapita. I genitori: "Il Papa ci aiuti"

La ragazza è stata costretta a convertirsi all'Islam e a sposare uno dei suoi rapitori
MONITO PAPALE

Francesco: "Con i populismi tornano le ideologie del '39"

Il Pontefice esorta i Paesi a "non chiudersi" e a "dialogare con la realtà". Il modello dei...
L'udienza di Papa Francesco alle Ong - ©Vatican News
UDIENZA PAPALE

Il Papa alle Ong: "L'eccesso di mezzi può anestetizzare la creatività"

Il Pontefice ha ricevuto in udienza anche l'Associazione cattolica Esercenti Cinema-Sale della Comunità
Uno squalo toro nell'acquario di Cattolica
RIMINI

Un presepe tra gli squali

Sarà possibile ammirarlo all'Acquario di Cattolica dall'8 dicembre
johnson e corbyn nel duello in tv
BREXIT

Elezioni Gb, Johnson: "Votate me o sarà il caos"

Duello in tv sulla Bbc tra il laburista Corbyn e il premier britannico
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...

Adulti rottamati

Si tende a guardare il mondo dei giovani da parte degli adulti come se questi non fossero mai stati giovani. Se...
Il manifesto del party blasfemo
LA DECISIONE

Bologna, annullato il party blasfemo

L'Università ha cancellato l'evento dopo l'intervento della Curia sulla locandina intitolata "Immacolata...
SOS PREADOLESCENTI

La Babele fuorilegge dei social

Sotto i 13 anni in Italia la legge vieta di usare i social network (Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat, WhatsApp). Ma le...
Il Papa riceve Joseph e Michelle Muscat in udienza privata nel giugno 2013 - Foto © Clifton Fenech per DOI
SANTA SEDE

Il Papa domani riceve Muscat

La visita del premier maltese sarà in forma strettamente privata.