News JIHAD

MARTEDÌ 23 APRILE 2019, IN TERRIS

Chi sono i terroristi che hanno colpito in Sri Lanka

L'Isis diffonde foto e nomi dei kamikaze. "Pasqua, festa degli infedeli"

DANIELE VICE
Funerali delle vitime
D
opo aver rivendicato gli attacchi contro chiese e hotel in Sri Lanka - costati la vita ad almeno 321 persone - l'Isis tramite l'agenzia Amaq, ha pubblicato fotografie e nomi di battaglia dei sette kamikaze impiegati per commettere le stragi. Mimetizzati E' stata anche diffusa l'immagine di un uomo, descritto come la "guida" degli altri attentatori. Sei jihadisti, sottolinea ancora Amaq, erano "mimetizzati" tra le vittime, mentre un settimo ha avuto uno...
LUNEDÌ 22 APRILE 2019, IN TERRIS

Stragi di Pasqua: terroristi aiutati da una rete internazionale

I morti negli attacchi a chiese e hotel sono 290, molti stranieri. Coprifuoco ripristinato

DANIELE VICE
Stragi in Sri Lanka
S
ale ancora il bilancio delle vittime degli attacchi contro chiese e hotel in Sri Lanka, in occasione della Pasqua. Stando alla polizia i morti sarebbero almeno 290. Trentasei, secondo la Bbc, sarebbero stranieri. Oltre 500 persone sono invece rimaste ferite, ha spiegato il portavoce della polizia Ruwan Gunasekara.   Vittime straniere Il Giappone ha confermato l'uccisione di un suo cittadino e il ferimento di altri quattro. Il ministro degli Esteri nipponico, Taro Kono,...
MARTEDÌ 16 APRILE 2019, IN TERRIS

Jihadisti esultano sui social media

Decine di post di giubilo per il rogo da profili legati al mondo dell'islamismo radicale

DANIELE VICE
Jihadisti
S
tavolta non c'è la rivendicazione. Non è stato il terrorismo internazionale a colpire Notre Dame de Paris, uno dei cuori pulsanti del cristianesimo europeo. Ma basta la tragica fatalità del rogo che divora il tetto della cattedrale sino a farlo collassare; è sufficiente vedere la guglia principale, con la croce in cima, ripiegarsi su se stessa e venire giù per far urlare di giubilo quella parte di mondo che, se non appartiene direttamente alla jihad,...
GIOVEDÌ 21 MARZO 2019, IN TERRIS

L'odio nella testa

LUCA LA MANTIA
Il bus incendiato a San Donato
L
e immagini dei bambini che fuggono dal pullman incendiato a San Donato Milanese ci riportano alle, tante, troppe scene di panico cui abbiamo assistito durante questa, lunga, stagione di terrore. Saranno le indagini a stabilire quale movente abbia davvero ispirato Ousseynou Sy, il 47enne di origini senegalesi che ha appiccato il fuoco al mezzo su cui viaggiavano circa 50 studenti; se si tratti di finalità "terroristiche" - ipotesi concreta secondo il pm milanese...
VENERDÌ 21 DICEMBRE 2018, IN TERRIS

Natale: siamo a rischio attentati?

Dopo Strasburgo l'Europa è ripiombata nella paura. L'Italia è al sicuro durante le feste?

FRANCESCO VOLPI
Poliziotti davanti la Basilica di San Pietro
"s
e Dio vuole, se serve alla causa, bisogna farlo, bisogna uccidere". Parlava così il 20enne somalo Moshin Ibrahim Omar, nome di battaglia Anas Khalil, nelle conversazioni intercettate su ordine della Procura di Bari che ne ha convalidato il fermo. Khalil, considerato vicino all'Isis, secondo i giudici progettava un attacco al cuore della cristianità, nella "Chiesa più grande d'Italia", un luogo in cui "ci sono il Papa e tanta gente", in...
GIOVEDÌ 18 OTTOBRE 2018, IN TERRIS

Aumentano gli jihadisti in Italia

Ogni mese dieci stranieri vengono espulsi per motivi legati al rischio terrorismo

REDAZIONE
Jihadisti
G
li stranieri espulsi dall'Italia per motivi riguardanti i rischi del terrorismo sono sempre di più. Il numero è nettamente maggiore a quello di tutti i Paesi dell'Unione europea. Nel 2018 la media è salita a dieci soggetti espulsi ogni mese (rispetto agli 8 al mese del 2017). Dal 2018 fino ad oggi sono stati 105 i provvedimenti presi dal Ministero dell'Interno, le Prefetture e le autorità giudiziaria, raggiungendo quota 340 negli ultimi tre...
VENERDÌ 05 OTTOBRE 2018, IN TERRIS

Iraq: il dramma degli Yazidi scomparsi

Venduti o uccisi dall'Isis e poi sepolti nelle fosse comuni. E Baghdad non autorizza l'esumazione

LUCA LA MANTIA
Una fossa comune
"S
olo Dio sa cosa è successo". La voce di Tahsin Kheder, raccolta da Middle East Eye, è quella degli yazidi sopravvissuti alla pulizia etnica portata avanti dall'Isis nei quattro anni di occupazione della regione di Sinjar. Un'operazione spietata che ha provocato, secondo l'Onu, la scomparsa di almeno 11 mila persone, tra quelle massacrate (circa 5 mila) e quelle ridotte in schiavitù e poi vendute (6 mila, soprattutto donne e...
MARTEDÌ 18 SETTEMBRE 2018, IN TERRIS

Rapito sacerdote italiano

Padre Maccalli forse sequestrato da jihadisti provenienti dai Paesi vicini

EDITH DRISCOLL
Padre Maccalli
U
n sacerdote italiano, padre Pierluigi Maccalli della Società delle Missioni Africane (Sma), è stato sequestrato in Niger da presunti jihadisti attivi nella zona dove operava. Lo ha detto all'agenzia Fides padre Mauro Armanini, a Niamey, sempre in Niger. Il rapimento sarebbe avvenuto la scorsa notte. "Da qualche mese la zona si trova in stato di urgenza a causa di questa presenza di terroristi provenienti dal Mali e il Burkina Faso" ha...
GIOVEDÌ 23 AGOSTO 2018, IN TERRIS

Il "fantasma" di al Baghdadi incita alla jihad

Nuovo audio con la voce del leader dell'Isis: "Continuare la guerra santa"

REDAZIONE
Al-Baghdadi
A
volte ritornano. E, in un certo senso, come nel racconto di Stephen King, questo "fantasma" torna dall'oltretomba per terrorizzare il Medio Oriente e, soprattutto, l'Occidente. Si tratta di Abu Bakr al Baghdadi, il temuto leader dello Stato Islamico, dato per morto, per l'ennesima volta, appena nel luglio scorso.  La voce del Califfo Al Furqan, la sezione media del califfato, ha infatti realizzato e diffuso un audio della durata di ben 54 minuti, affermando...
LUNEDÌ 20 AGOSTO 2018, IN TERRIS

Assalta commisariato al grido di "Allah Akbar": ucciso

Il fatto a Cornella, nei pressi di Barcellona. L'assalitore sarebbe un 29enne algerino

REDAZIONE
Policia, mossos d'esquadra
A
 un anno dagli attentati alle Ramblas di Barcellona, il terrore torna ad aleggiare in Spagna. Stamattina verso le 6, in una stazione di polizia nel nordest della Catalogna - a Cornella, alle porte di Barcellona - un uomo armato di coltello è entrato in una stazione di polizia al grido di "Allah Akbar" (Allah è grande). Gli agenti gli hanno sparato, ma un portavoce della polizia non ha specificato se sia stato ucciso. L'uomo aveva...
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore