News BORIS JOHNSON

MARTEDÌ 29 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Svolta Brexit, sì dei Lab al voto anticipato

Corbyn convinto dal rinvio al 31 gennaio: "Parte la campagna di cambiamento"

DM
Jeremy Corbyn
C'
è aria di voto nel Regno Unito e non per un secondo referendum sulla Brexit, quello casomai verrà dopo. Per ora si dovrà decidere (Comuni permettendo) chi sarà a guidare lo sprint finale dell'agognata uscita del Paese dall'Unione europea. Dopo un'iniziale bocciatura della mozione proposta da Boris Johnson, la Camera ha deciso di avallare la richiesta visto che, stavolta, le elezioni anticipate saranno appoggiate anche dai laburisti di Jeremy Corbyn,...
LUNEDÌ 28 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit, Tusk: "Rinvio al 31 gennaio. Ok dei 27"

Il presidente del Consiglio europeo ha fatto l'annuncio tramite Twitter

MANUELA PETRINI
Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk
C
on un post su Twitter, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha annunciato che i "27 Paesi membri Ue hanno deciso di accettare la richiesta del Regno Unito di una 'flextension' fino al 31 gennaio 2020. La decisione sarà formalizzata con una procedura scritta".  #show_tweet# Dopo essere stato annunciato con un "cinguettio" sulla celebre piattaforma social, la procedura di rinvio dovrà essere formalizzata nelle prossime ore. Un passo...
LUNEDÌ 21 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit, Bercow stoppa Johnson: niente voto sul deal

Lo speaker dei Comuni nega una nuova votazione sull'accordo. Il premier: "Manca di rispetto alla volontà popolare"

DAMIANO MATTANA
Manifestazioni davanti Westminster
E
nnesimo buco nell'acqua per Boris Johnson che, dopo il colpo durissimo incassato sabato scorso, vede per la seconda volta in tre giorni sfumare la possibilità di sottoporre il suo accordo per la Brexit al voto del Parlamento britannico. Il muro stavolta lo alza John Bercow, speaker della Camera dei Comuni, che rigetta la richiesta del premier in modo semplice ma politicamente brutale, spiegando a Johnson che la mozione era stata già discussa sabato e che porla di nuovo sarebbe...
DOMENICA 20 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit, la mossa di Johnson: due lettere a Bruxelles

Tempi ristretti per l'uscita dall'Ue. Il premier chiede il rinvio ma non firma la missiva. Poi ne scrive un'altra...

DAMIANO MATTANA
Bandiere davanti a Westminster
E'
l'ennesimo day after a Londra, dove la questione Brexit appare ormai alla stregua di una saga a puntate. Nell'ultimo giro di eventi il premier Johnson ha incassato l'ennesima delusione della sua breve carriera a Downing Street ma anche il Parlamento britannico, che ha - implicitamente - bocciato l'accordo strappato in extremis dal primo ministro a Bruxelles, ne esce quantomeno malconcio. E' la quarta intesa che a Westminster rispediscono indietro, segno di una Brexit che, al...
DOMENICA 20 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

La buona battaglia per fare grande l’Europa

RAFFAELE BONANNI
Boris Johnson
N
uova difficoltà di Boris Johnson in Parlamento, dopo che aveva già trovato l’accordo con le autorità europee per una Brexit concordata. Insomma i parlamentari del Regno Unito, hanno frenato la stipula dell’accordo vincolandola alla applicazione ordinata di tutti i decreti, in modo tale da non danneggiare i cittadini. Dopo la condizione nuova che si è presentata il Premier è andato su tutte le furie e ha affermato di voler comunque approvare il...
SABATO 19 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit, colpo di scena: il Parlamento boccia l'accordo Johnson-Ue

Johnson non vuole fermarsi, ma l'opposizione frena: "Ne prenda atto"

MARCO GRIECO
L'
avventura per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea sembra non avere fine. Con un letterale colpo di scena, infatti, Westminster ha frenato l'approvazione dell'accordo raggiunto dal premier Boris Johnson con l'Ue con 322 sì su un totale di 608 voti parlamentari. Porta il nome di Sir Oliver Letwin l'emendamento votato da Westminster che ha, di fatto, imposto una nuova proroga della Brexit. La Camera dei Comuni ha, così, decisoche il...
SABATO 19 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit: oggi si vota il Johnson deal

Se il premier britannico riesce ad ottenere i voti necessari, il suo accordo diventerà legge

MILENA CASTIGLI
Proteste anti Brexit e Westminster
I
l destino del Regno Unito in Europa si decide oggi in Parlamento. Seduta straordinaria infatti del Parlamento britannico, riunito di sabato - come in passato avvenuva solo in tempo di guerra -  per votare sull'accordo sul divorzio dall'Ue raggiunto in extremis dal premier conservatore Boris Johnson con Bruxelles. Se il premier Boris Johnson riesce ad ottenere i voti necessari in Parlamento, il suo accordo per la Brexit diventerà legge una volta approvato...
VENERDÌ 18 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Dal referendum all'accordo: le tappe della Brexit

Tre anni di trattative, tre intese bocciate e tre premier a guidare le operazioni: cronistoria del lungo Leave

DAMIANO MATTANA
Le bandiere del Regno Unito e dell'Unione europea
F
atto l'accordo, ora c'è da fare il voto. Boris Johnson centra l'obiettivo, mette in tasca l'intesa con Bruxelles e torna a girarsi verso Londra consapevole delle forti opposizioni dei laburisti e dei nordirlandesi del Dup. Nel bene o nel male, l'ultimo atto sarà il voto del Parlamento che, in qualche modo, metterà fine alla vicenda Brexit così come l'abbiamo conosciuta finora. Una storia che affonda le sue radici agli albori dell'Europa...
GIOVEDÌ 17 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Brexit, Johnson strappa l'accordo a Bruxelles

Intesa ottenuta, rivisto il backstop ma il Dup si oppone: il voto in Parlamento è un'incognita

DAMIANO MATTANA
Boris Johnson
E'
un giorno e mezzo dalla deadline imposta dalle opposizioni, Boris Johnson sembra aver strappato all'Ue quell'accordo paracadute che potrebbe consentire al Regno Unito di lasciare il novero di Bruxelles senza traumi, con qualche concessione in più sul tema backstop ma anche qualche malumore interno con cui fare i conti. Perché in realtà, accordo o meno, l'Unione è stata per buona parte delle trattative un attore quasi di margine, nel senso che la sua...
MERCOLEDÌ 16 OTTOBRE 2019, IN TERRIS

Johnson arretra sul backstop, Brexit verso l'accordo

Il premier avrebbe accettato la condizione di Bruxelles, sganciando Belfast dal nuovo mercato britannico

DM
Boris Johnson
L
e provano tutte Londra e Bruxelles: l'obiettivo è portare a termine l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue entro il 19, nel senso che entro quella data l'accordo dovrà essere approvato in tutte le sue parti, così da garantire la separazione del 31 del mese una formalità. Tra le variabili in campo, quella che vorrebbe il premier britannico, Boris Johnson, finalmente convinto a fare qualche passo indietro sulla questione del backstop irlandese, aprendosi...
NEWS
Calzaturificio
EMPOLI

Pagati un euro l'ora: 2 arresti per caporalato

Migranti africani sfruttati in ditte calzaturiere gestite da due coniugi cinesi
Giornata Mondiale dei Poveri 2019: logo e tema
EDIZIONE 2019

Giornata Mondiale dei Poveri: le iniziative diocesane

A Rimini un gruppo di giovani condividerà la notte con i senzatetto
Una veduta aerea del complesso scolastico teatro della sparatoria
IL DRAMMA

Sangue negli Usa: spari in un liceo di Santa Clarita

Uno studente di 16 anni ha ucciso due compagni, ferendone altri quattro. Arrestato, anche lui sarebbe gravemente ferito
Fotografia di Stefano Cucchi
ROMA

Caso Cucchi, 12 anni per due carabinieri

Si tratta dei due militari accusati del pestaggio. Tedesco assolto dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Prescrizione...
Jorge Lorenzo
MOTO GP

Lorenzo si ritira: ultima gara a Valencia, dove iniziò tutto

Il fuoriclasse maiorchino chiuderà la carriera dove conquistò il primo titolo mondiale: "Era meglio...
La foto della Madonnina che ha resistito alla tromba d'aria nella pineta devastata - Foto © Giuseppe Ferrara per BasilicataNotizie.net
BASILICATA

A Policoro, la Madonnina resiste alla furia del vento

La scena immortalata in una foto della pineta devastata. C'è già chi grida al miracolo
Il presidente del Consiglio del Ministri, Giuseppe Conte, a Venezia - Foto © Ansa
EMERGENZA ITALIA

Acqua alta a Venezia: che fine ha fatto il Mose?

Storia di un'opera incompiuta, fra lentezza e corruzione. Trefiletti: "Necessari investimenti oculati, non opere...
Una donna nigeriana giunta in un centro d'accoglienza in Italia - Foto © Vita.it
IL CASO

Dalla Nigeria all'Italia: la rete "internazionale" della prostituzione

Un'indagine svela il modus operandi di 11 nigeriani. Fra le vittime, anche alcune minorenni
I panetti di droga nascosti tra le banane
REGGIO CALABRIA

Maxi sequestro di droga nel porto di Gioia Tauro

Recuperata una tonnellata di coca: la sostanza era nascosta nelle banane
Macerie a Gaza
CONFLITTO ISRAELE - PALESTINA

Gaza: trovato accordo per il cessate il fuoco

Raid israeliano uccide 8 membri di una famiglia palestinese, tra cui 5 bambini
L'ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi
TANGENTI LOMBARDIA

Domiciliari per l’ex eurodeputata FI Lara Comi

E per l'Ad dei supermercati Tigros, Paolo Orrigoni, nell'ambito dell'indagine "Mensa dei Poveri"
Bambini africani giocano a pallacanestro
UNICEF | FRASCATI (RM)

Al via il progetto “Diritti a canestro” per l’integrazione di ragazzi africani

Samengo: "Lo sport ci riguarda tutti, indistintamente, e deve essere accessibile a tutti"