News ARGENTINA

LUNEDÌ 19 AGOSTO 2019, IN TERRIS

Crisi argentina, si è dimesso il ministro del Tesoro

Nicolas Dujovne aveva negoziato l’accordo con il Fondo monetario. A rischio 56 miliardi di aiuti internazionali

GIACOMO GALEAZZI
Il ministro del Tesoro, Nicolas Dujovne
I
n Argentina si è dimesso il ministro del Tesoro, Nicolas Dujovne. Un gesto clamoroso “dopo una settimana di tumulto economico innescata dalla sconfitta del presidente riformista Mauricio Macri nelle primarie in vista delle elezioni di ottobre”, riferisce l’Agi. Dujovne sarà sostituito da Hernan Lacunza, ministro dell'Economia per la provincia di Buenos Aires. In una lettera aperta, il ministro uscente si è detto convinto che, “date le...
LUNEDÌ 12 AGOSTO 2019, IN TERRIS

Argentina, flop di Macri: Borsa a picco

Il presidente uscente battuto nettamente alle Paso dal rivale di centrosinistra Alberto Fernandez: crollano i mercati

DM
Mauricio Macri
N
ome previsto, i mercati non prendono bene il flop di Mauricio Macri alle Paso, le primarie obbligatorie argentine: alla riapertura, i listini hanno pagato con un imperante segno meno, mentre il peso crolla nel cambio con il dollaro fermandosi a 56, addirittura al 26% di calo rispetto alla settimana scorsa. Panico anche negli altri indici: S&P Merval Index, che ha chuso in calo del 37,93%, ha toccato livelli paurosi del 48%, mai così male negli ultimi 70 anni. Non ha...
SABATO 10 AGOSTO 2019, IN TERRIS

Argentina, sfida nell’urna tra Macri e Fernandez

Le presidenziali per decidere la nuova leadership di un Paese in piena crisi economica. Le preoccupazioni dei vescovi

GIACOMO GALEAZZI
Palco presidenziale in Argentina
I
n Argentina la crisi economica sembra un tunnel senza spiragli d’uscita. Società civile e Chiesa sperano in un cambio di passo e domani sarà una domenica al voto per gli elettori argentini chiamati ad esprimersi alle primarie presidenziali, riferisce l’Agi. Dalle urne usciranno tutti i nomi dei candidati presidenti e vice delle 8 coalizioni in lizza. Il voto che decreterà i nuovi presidente e vice presidente argentini si terrà il 27 ottobre. Una tornata...
MARTEDÌ 02 LUGLIO 2019, IN TERRIS

Francesco: "L'America latina è laboratorio di dialogo"

Le conversazioni tra il Papa e un giornalista argentino in un volume che spiega le radici del pontificato

GIACOMO GALEAZZI
Papa Francesco
F
rancesco lo dice con la sua consueta naturalezza: “Il dialogo interreligioso è un fatto comune e naturale in Argentina. Ho frequentato la scuola pubblica statale, tranne l’ultimo anno delle elementari quando per una malattia di mia madre fui mandato coi miei fratelli in un collegio salesiano”, racconta Jorge Mario Bergoglio e aggiunge: “Nella scuola pubblica statale, in quasi tutte le classi c’erano tre o quattro amici ebrei, e li chiamavano: “Ehi tu,...
LUNEDÌ 17 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto

L.L.M
Il blackout
S
arà un'inchiesta a chiarire le cause del maxi black-out che ieri ha paralizzato quasi completamente la rete elettrica di Argentina e Uruguay. Serviranno però almeno 7/10 giorni per fare "luce" sulla vicenda, come ha chiarito il ministro argentino dell'Energia, Gustavo Lopetegui. Ritorno alla normalità Nel frattempo, dopo 15 ore di lavori, il servizio assicurato dalle compagnie nazionali argentine Edesur ed Edenor e da quella uruguaiana è stato...
DOMENICA 16 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Black-out totale: Argentina e Uruguay al buio

Circa 50 milioni di persone senza corrente elettrica, coinvolti anche Paraguay, Bolivia, Cile, Perù

DM
Città argentina al buio
C
inquanta milioni di persone senza luci e senza tutto quello che dalla corrente elettrica deriva: quasi completamente al buio tre Paesi dell'America latina, Argentina e Uruguay su tutti, ma anche Paraguay, Brasile, Bolivia, Cile e Perù sono stati colpiti dall'incredibile blocco dell'energia. Lo ha riferito la società Edesur Argentina, una delle principali del Paese, secondo la quale tutto sarebbe iniziato a partire dalle 7 di mattina (le 12 in Italia), mandando in tilt...
LUNEDÌ 10 GIUGNO 2019, IN TERRIS

Argentina: assassinato un diacono permanente

Il corpo dell'uomo è stato avvolto in alcune lenzuola

MANUELA PETRINI
Il diacono Guillermo Luquín
O
rrore a Villa Galicia, in Argentina, dove all'alba di domenica 9 giugno un diacono permanente è stato ucciso. La vittima si chiamava Guillermo Luquin, 52 anni ed era diacono della parrocchia Nostra Signora del Carmen.  L'omicidio Secondo quato riportato dal portale Infobae, il corpo dell'uomo è stato trovato dal nipote, che si era recato a casa dello zio preoccupato di non averlo visto partecipare alla funzione religiosa della domenica. Una volta arrivato...
VENERDÌ 10 MAGGIO 2019, IN TERRIS

Al via la causa di beatificazione di madre Maria Bernadetta

Appartenente alla congregazione delle suore Povere Bonarensi di San Giuseppe, era amica di Bergoglio

ANGELA ROSSI
V
errà aperta oggi alle 12, nell'aula della Conciliazione del Palazzo Lateranense, la causa di beatificazione e canonizzazione di suor Maria Bernadetta dell'immacolata, una religioda delle suore Povere Bonarensi di San Giuseppe. L'apertura della causa sarà presieduta dal cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma.  Chi era suor Maria Bernadette Adele, questo il nome secolare della suora, nasce ad Avellino e nel 1943 prende i voti...
GIOVEDÌ 02 MAGGIO 2019, IN TERRIS

E segna sempre Leo...

Con la doppietta al Liverpool Messi raggiunge quota 600. E non si ferma...

DAMIANO MATTANA
Lionel Messi dal 2005 a oggi
S
crivi 600 ma in realtà sono 692, perché alla prima cifra ci sono da aggiungere gli 11 con Barça C e B, oltre che i 65+16 della nazionale argentina. Numeri da capogiro che hanno un nome e cognome: Lionel Messi, detto Leo. Magico tutto: i gol che fa, come li fa, quanti ne fa, quando li fa. Il perché forse non è il caso di specificarlo, visto che è ormai chiaro a tutti, però fa bene ricordarlo: li fa perché è forte. Il più...
GIOVEDÌ 11 APRILE 2019, IN TERRIS

La statua della Madonna pro-aborto è ancora esposta

Nonostante le proteste, rimane dietro la vetrina di Buenos Aires la provocazione blasfema

REDAZIONE
Facebook-ATE Derechos Humanos Nacion
N
on è bastata la mobilitazione nazionale ed anche internazionale. A Buenos Aires, in Argentina, resta esposta in una vetrina la statua della Madonna con un fazzoletto pro-aborto sul viso. Ne dà notizia Aleteia, sottolineando che l'immagine blasfema è presente in uno spazio di proprietà dello Stato. Come si legge sul sito, "la mostra Para todes, tode, che oltre alla statua della Vergine Maria con un fazzoletto verde, simbolo di quanti chiedono la...
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro