US OPEN, TRIONFO AZZURRO: FLAVIA PENNETTA ENTRA NELLA STORIA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:00

Nella storica finale, tutta azzurra, degli Us Open, Flavia Pennetta trionfa e batte Roberta Vinci in due set (7-6 e 6-2). Durante la premiazione, in mondovisione, la due amiche hanno avuto un bel “siparietto”. Tra gli abbracci e le risate, la seconda classificata ha tentato di rifilare alla connazionale il suo piatto d’argento. La Pennetta ha sottolieato che il match si è svolto tra due amiche. “Non avrei mai pensato all’inizio del torneo di arrivare così lontano. E’ un’emozione imprevedibile -ha aggiunto la Pennetta-. Chi comincia a praticare sport vuole essere un numero uno. E’ stato bellissimo giocare contro una vera amica che, per due settimane, ha giocato un grande tennis. Il primo match contro probabilmente lo abbiamo giocato quando avevamo nove anni”.

“Grazie, grazie di essere venuti. Ho perso in finale, ho perso contro Flavia e sono molto felice per lei”.Queste sono state le prime parole di Roberta Vinci dopo la premiazione: “Forse ero un po’ stanca e magari si è visto nel primo set. Lei ha fatto meglio di me, devo solo farle le congratulazioni. Sono state 24 ore difficili. Difficile giocare contro una persona che conosci così bene. Grazie di essere venuti. E anche grazie a Matteo Renzi”.

Il presidente del consiglio italiano era infatti presente sugli spalti, accanto al presidente del Coni Giovanni Malagò. Tra le celebrità che hanno assistito alla finalissima, erano presenti Michael Douglas e Catherine Zeta Jones, il cantante James Taylor, Queen Latifah, Gabrielle Union, Dwayne Wade dei Miami Heat. “Viva l’Italia”, ma anche “Viva la Puglia”: questi i due boati che hanno salutato le giocatrici l’inizio del match.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.