UNDER 21, GLI AZZURRINI CON UN RIGORE METTONO KO LA SVOVENIA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

La Nazionale Italiana Under 21 debutta alla grande nelle qualificazioni dell’Europeo del 2017. A Reggio Emilia ha sfidato la Slovenia, battendola su rigore firmato da Bernardeschi al 51′. Di Biagio ha schierato un 4-3-3, a fronte del 3-4-1-2 della Slovenia. A difendere la porta Cragno; davanti a lui Conti, Rugani, Romagnoli e Murru; a centro campo Benassi, Mandragora e Cataldi; in attacco Bernardeschi, Monachello e Boateng. Tante le occasioni per l’Italia, ma il secondo gol non arriva.

L’inizio non è proprio dei migliori visto che al 3′ minuto viene ammonito Cataldi; Monachello si gira in area e conquista un angolo. Dopo che Mandragora ha rischiato un fallo al limite dell’area, Boateng prova a metterla in rete con un colpo di testa, ma la palla finisce al lato del palo. Al 26′ del primo tempo Cataldi lancia un proiettile da fuori area che per poco non entra in porta. Al 33′ Bernardeschi tira,Sorčan para, ma Monachello sbaglia il tap in. Il portiere slavo para un doppio colpo di Rugani e Romagnoli. All’intervallo non ci sono cambi e il risultato è fisso sullo 0-0.

Al 6′ del secondo tempo, gli sloveni commettono fallo su Murru in area. A Bernardeschi il compito di batterlo e di trasformarlo in gol. L’Italia è avanti 1-0. Al 16′ della ripresa Bernardeschi ha ben tre occasioni per mettere la palla in rete, ma non ci riesce. Prende anche un palo. Sempre nella ripresa ci prova lo sloveno Kapun dal limite ad accorciare le distanze, ma Cragno la para. L’ingresso di Verde in campo non migliora la prestazione italiana. Grande occasione per gli azzurrini al 34′ con un colpo di testa di Mandragora, ma Sorčan compie un miracolo impedendo alla palla di entrare in rete. La partita termina con la vittoria per l’Italia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.