Tris dei bomber, Roma e Juve sul velluto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:04

Vittoria doveva essere e Viktoria è stata. Travolgente, bella, concreta. La Roma conferma il bello visto nel derby, batte i cechi e si rimette in gioco nel proprio girone di Champions. La decidono la tripletta del ritrovato Edin Dzeko (proprio come nel 2016 in Europa League) e i personali di Under e Kluivert per un 4-0 che rilancia le ambizioni giallorosse. Crisi alle spalle. Non ci sono Manolas, De Rossi e Pastore e Di Francesco rimodella la formazione affidandosi allo stesso modulo del derby: 4-2-3-1. In mezzo c'è Juan Jesus accanto a Fazio, con il recuperato Kolarov a sinistra e Florenzi riportato sulla linea di difesa, Cristante in mediana accanto a Nzonzi, Under e Kluivert alle spalle di Edin Dzeko con Lorenzo Pellegrini a galleggiare tra le linee.

Dzeko sugli scudi

Plzen frastornato dall'avvio spumeggiante della Roma. Il cronometro dell'Olimpico segna appena 2'48″, il tempo a Kolarov di disegnare un assist al bacio per Dzeko e mancino mortifero del bosniaco: Kozacick non può far altro che inchinarsi e raccogliere il pallone in fondo alla rete. Una bella Roma che, forte del vantaggio, tiene il campo con grande autorità, prende in mano il boccino del gioco lasciando al Viktoria le briciole di una frazione dominata sul piano del gioco dalla formazione giallorossa. Ci provano Limbersky, barvo nelle percussioni sulla fascia sinistra e Hrosocky a provare a scuotere i cechi che provano a cambiare l'inerzia della partita, prima con il bomber Krmencik poi con con colpo di testa di Kozacik, fuori di poco. Ma la Roma è lì, sorniona, padrona del gioco e del campo. Cristante va decisamente meglio rispetto al recente passato, dalle parti di Nzonzi non si passa, Pellegrini si posta a spasso avversari per tutto il campo, creando spazi per gli inserimenti di Under e Kluivert, bravi anche nella fase difensiva. Under fa tutto da solo, prende palla sulla trequarti, converge verso il centro saltanto avversari fino a trovare lo spiraglio per battere a rete: la traversa gli nega un gol bellissimo.

Controllo totale

Solo Roma e Plzen in affanno, incapace di reggere l'onda d'urto romanista. E così arriva anche il raddoppio, con un lancio millimetrico di Under che pesca in area Dzeko. Il bosniaco è bravo a controllare di petto e scaricare di  destro sotto la traversa: 2-0. Che poteva essere 3-0 se Kozacik non avesse compiuto un autentico miracolo sulla percussione di Florenzi che solo davanti al portiere ceco ha colpito a botta sicura. Non cambia la musica nella ripresa, sempre Roma pronta a chiudere la partita. Pellegrini sempre più a suo agio e un Dzeko rivitalizzato che ha continuato a giocare di squadra, oltre che a sboccarsi (serviva solo quello) in fase realizzativa. Plzen alle corde, possesso prolungato dei giallorossi e a stretto giro arriva il terzo gol con Under: sponda di Dzeko, assist di Pellegrini e rasoiata di sinistro del baby turco. Bello il gol ma ancor di più la coralità e i tre tocchi con i quali i giallorossi hanno sfondato nella retroguardia ceca.

Tris Edin

Dzeko palla al piede è una minaccia costante per una difesa, quella ceca, che non riesce ad imbavagliarlo e deve superarsi ancora Kozacik nel deviare in angolo a botta sicuro sul bosniaco, servito da uno splendido suggerimento di Kluivert. L'olandesino è bello a vedere e il dio del pallone gli regala il giusto premio per una prova maiuscola. L'onnipresente Pellegrini innesca ancora Under, mancino velenoso, Kozacick ci mette una pezza, ma sul tap in è pronto il figlio d'arte che firma il poker. E ultimi quindici minuti con in campo anche Luca Pellegrini, Zaniolo e Schick al posto di Kolarov, Pellegrini e Under. Il Plzen è un pugile suonato, la Roma rallenta, abbassa il ritmo ma ogni qualvolta affonda, fa male all'avversario che avrebbe preso anche il quinto gol sul colpo di testa del solito Fazio partito però in fuorigioco. Ma la manita è solo rimandata e arriva in pieno recupero, ancora con Edin Dzeko che si porta a casa il pallone e la Roma la prima vittoria in champions. E finisce 5-0. Vittoria doveva essere e Viktoria è stata. Peccato solo per l'impresa del Cska Mosca che al Luzniki ha battuto sorprendentemente il Real Madrid per 1-0 con un gol lampo di Vlasic dopo appena due minuti con la formazione di Lopetegui, largamente rimaneggiata, incapace di ribaltarlo. E così in testa al gruppo sale proprio la formazione di Mosca a 4 punti con Roma e Real a 3, Plzen a 1.

Super Dybala

Nel pomeriggio, vittoria facile per la Juventus allo Stadium contro lo Young Boys. Protagonista assoluto Paulo Dybala, autore di una tripletta proprio nella prima uscita dei bianconeri senza Cristiano Ronaldo (squalificato). L'argentino apre le danze con un gran tocco di sinistro al volo su lancio millimetrico di Bonucci, per poi ripetersi alla mezz'ora con un tap-in sulla respinta corta del portiere svizzero. Il tris arriva nella ripresa, con la spaccata sul cross di Cuadrado che vale il 3-0 e l'hat-trick personale. In Champions come in campionato, Juve in testa a punteggio pieno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.