DOMENICA 07 LUGLIO 2019, 20:37, IN TERRIS

MONDIALI FEMMINILI

Trionfo Usa, Olanda piegata: la Coppa resta americana

Rapinoe (rigore) e Lavelle scardinano la difesa Orange e bissano il successo di quattro anni fa

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Le ragazze statunitensi sollevano al cielo la loro quarta Coppa del mondo
Le ragazze statunitensi sollevano al cielo la loro quarta Coppa del mondo
H

anno vinto le più forti. Lo hanno fatto anche la volta scorsa e ci erano andate vicine quella ancora prima. La nazionale degli Stati Uniti si aggiudica il Campionato del Mondo femminile coronando con il loro quarto trofeo iridato una rassegna dominata in lungo e in largo, veramente a rischio solo nella concitata semifinale con l'Inghilterra. Nella finalissima di Lione, le ragazze di coach Ellis battono le campionesse europee dei Paesi Bassi con le reti di Rapinoe (su rigore) e Lavelle, confermandosi ancora una volta i numeri uno del mondo. Basti pensare che su otto Mondiali, le americane ne hanno vinti quattro, arrivando peraltro sempre sul podio quando la coppa non l'hanno alzata. Numeri mostruosi ma che danno la misura di quanto Oltreoceano il calcio femminile viaggi su tutt'altri livelli non solo in raffronto all'Italia (dove le ragazze non giocano come professioniste) ma anche all'Europa tutta. Vecchio contienente che, comunque, si prende tutte le altre piazze del podio (Paesi Bassi e Svezia) e anche quello ai piedi (Inghilterra).


Muro Orange

Partivano favorite le americane, nonostante davanti ci fosse la squadra probabilmente più forte d'Europa al momento. Ma, almeno nella prima mezz'ora, i favori del pronostico dicono poco o nulla: match equilibrato, squadre ben messe e, soprattutto, un atteggiamento difensivo da parte olandese che lascia spiazzate le ragazze di Ellis, che mai avevano faticato più dei primi 15' a trovare la via del gol. E ancora meno a rendersi pericolose, visto che con le Orange ci mettono 27' a farsi vedere in area avversaria, con una girata di Lavelle vanificata dall'intervento del portiere Van Veenendaal, che poi ringrazia il pallo sul tocco di Morgan pochi minuti dopo. Azioni che avviano alla fine della ripresa con gli Stati Uniti in crescendo e le olandesi che provano a organizzarsi anche in zona offensiva, senza però riuscire a pungere granché.


Uno-due micidiale

Nella ripresa, le americane fanno copia-incolla e nel primo quarto d'ora non hanno grossi acuti, senza che nemmeno le avversarie accennino ad averne uno, limitandosi a chiudere gli spazi e spegnere le bocche da fuoco davanti. Muro che cade, però, al primo segno di una pietra lenta: contrasto a mezz'aria fra Van der Gragt e Alex Morgan, con l'olandese che alza troppo la gamba e atterra la punta statunitense. Per la dirittrice di gara è calcio di rigore (con ausilio del Var) e per Megan Rapinoe, invece, l'occasione d'oro per sbloccare la gara. E la stella americana non se la fa scappare, realizzando il suo terzo tiro dal dischetto in questo Mondiale e, soprattutto, scardinando finalmente il muro Orange. Un colpo fin troppo duro per le campionesse europee che, appena 8 minuti dopo, capitolano nuovamente quando Lavelle capitalizza una grande serpentina con il mancino velenoso che chiude la gara e dipinge la coppa di stelle e di strisce.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il luogo dell'incidente
BRESCIA

Investe passeggino e fugge: bimbo di 2 anni in coma

Il piccolo, che si trovava nel passeggino, è statao sbalzato a cinque metri di distanza
SVOLTA ECOLOGICA

800 mila nuovi posti di lavoro green

"Entro 6 anni la tutela ambientale sarà la locomotiva dell'economia" L'indagine della Fondazione per lo...
L'eruzione sulla White Island in Nuova Zelanda
NUOVA ZELANDA

Eruzione sulla White Island, aperta un'inchiesta sulla morte dei turisti

La strage di turisti si è verificata a causa dell'eruzione del vulcano Whaakari
IL PUNTO

Il dibattito sulla legge di bilancio e Mes

Tempi stretti per l'approvazione della manovra. Domani voto sul fondo salva Stati
I leader al tavolo delle trattative
IL VERTICE

Zelenskij-Putin, prove di disgelo sul Donbass

I due leader si incontrano a Parigi: promesso il rilascio dei prigionieri e la smobilitazione entro marzo 2020
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
POLITICA

Governo, una verifica dopo la Manovra

Il premier Conte dà l'ok a un confronto in maggioranza a gennaio: "Serve un cronoprogramma fino al 2023"
La Natività in cui la Sacra Famiglia è separata, realizzata dalla Claremont United Methodist Church in California
STATI UNITI

Il Presepe con la Sacra Famiglia in gabbia

L'iniziativa di una Chiesa metodista contro la politica migratoria di Trump
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
LA GEOPOLITICA DELLA TECNOLOGIA

Washington-Pechino, guerra commerciale sui pc

La Cina ha ordinato la rimozione delle apparecchiature e dei software stranieri entro il 2022
Abitazioni e strutture lesionate
SISMA E RICOSTRUZIONE

Ecco perché la terra può tremare ancora

Il sismologo Saccorotti: "Il governo scelga se investire un euro nella prevenzione o spenderne sette nella...
Bandiere della Russia e dei Giochi olimpici
SCANDALO DOPING

La Russia è fuori dalle Olimpiadi

La decisione dell'Agenzia mondiale antidoping esclude i russi da Tokyo 2020 e Pechino 2022. Possibile ricorso al Tas
I talebani hanno da sempre rifiutato i negoziati con il governo afghano, che reputano un sodale degli Stati Uniti - Foto © Sorin Furcoi per Al Jazeera
AFGHANISTAN

Perché i dieci soldati morti indeboliscono i negoziati di pace

L'attacco rivendicato dai talebani a due giorni dai colloqui di Doha