DOMENICA 07 LUGLIO 2019, 20:37, IN TERRIS


MONDIALI FEMMINILI

Trionfo Usa, Olanda piegata: la Coppa resta americana

Rapinoe (rigore) e Lavelle scardinano la difesa Orange e bissano il successo di quattro anni fa

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Le ragazze statunitensi sollevano al cielo la loro quarta Coppa del mondo
Le ragazze statunitensi sollevano al cielo la loro quarta Coppa del mondo
H

anno vinto le più forti. Lo hanno fatto anche la volta scorsa e ci erano andate vicine quella ancora prima. La nazionale degli Stati Uniti si aggiudica il Campionato del Mondo femminile coronando con il loro quarto trofeo iridato una rassegna dominata in lungo e in largo, veramente a rischio solo nella concitata semifinale con l'Inghilterra. Nella finalissima di Lione, le ragazze di coach Ellis battono le campionesse europee dei Paesi Bassi con le reti di Rapinoe (su rigore) e Lavelle, confermandosi ancora una volta i numeri uno del mondo. Basti pensare che su otto Mondiali, le americane ne hanno vinti quattro, arrivando peraltro sempre sul podio quando la coppa non l'hanno alzata. Numeri mostruosi ma che danno la misura di quanto Oltreoceano il calcio femminile viaggi su tutt'altri livelli non solo in raffronto all'Italia (dove le ragazze non giocano come professioniste) ma anche all'Europa tutta. Vecchio contienente che, comunque, si prende tutte le altre piazze del podio (Paesi Bassi e Svezia) e anche quello ai piedi (Inghilterra).


Muro Orange

Partivano favorite le americane, nonostante davanti ci fosse la squadra probabilmente più forte d'Europa al momento. Ma, almeno nella prima mezz'ora, i favori del pronostico dicono poco o nulla: match equilibrato, squadre ben messe e, soprattutto, un atteggiamento difensivo da parte olandese che lascia spiazzate le ragazze di Ellis, che mai avevano faticato più dei primi 15' a trovare la via del gol. E ancora meno a rendersi pericolose, visto che con le Orange ci mettono 27' a farsi vedere in area avversaria, con una girata di Lavelle vanificata dall'intervento del portiere Van Veenendaal, che poi ringrazia il pallo sul tocco di Morgan pochi minuti dopo. Azioni che avviano alla fine della ripresa con gli Stati Uniti in crescendo e le olandesi che provano a organizzarsi anche in zona offensiva, senza però riuscire a pungere granché.


Uno-due micidiale

Nella ripresa, le americane fanno copia-incolla e nel primo quarto d'ora non hanno grossi acuti, senza che nemmeno le avversarie accennino ad averne uno, limitandosi a chiudere gli spazi e spegnere le bocche da fuoco davanti. Muro che cade, però, al primo segno di una pietra lenta: contrasto a mezz'aria fra Van der Gragt e Alex Morgan, con l'olandese che alza troppo la gamba e atterra la punta statunitense. Per la dirittrice di gara è calcio di rigore (con ausilio del Var) e per Megan Rapinoe, invece, l'occasione d'oro per sbloccare la gara. E la stella americana non se la fa scappare, realizzando il suo terzo tiro dal dischetto in questo Mondiale e, soprattutto, scardinando finalmente il muro Orange. Un colpo fin troppo duro per le campionesse europee che, appena 8 minuti dopo, capitolano nuovamente quando Lavelle capitalizza una grande serpentina con il mancino velenoso che chiude la gara e dipinge la coppa di stelle e di strisce.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro