GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 000:01, IN TERRIS

TERREMOTO FIFA: FBI ORDINA ARRESTI A ZURIGO, BLATTER NON E' INDAGATO

Il procuratore generale Loretta Lynch: "Sradicheremo questo sistema, hanno usato il calcio per arricchirsi"

AUTORE OSPITE
TERREMOTO FIFA: FBI ORDINA ARRESTI A ZURIGO, BLATTER NON E' INDAGATO
TERREMOTO FIFA: FBI ORDINA ARRESTI A ZURIGO, BLATTER NON E' INDAGATO
I vertici della Fifa, che venerdì dovranno eleggere il nuovo presidente, sono ancora nell'occhio del ciclone. Dopo la retata della polizia svizzera, su richiesta della magistratura Usa, e l'arresto di sette alti dirigenti il mondo del calcio continua a tremare. In contemporanea la magistratura elvetica ha rivelato ha rivelato che da marzo indaga su casi di "riciclaggio e truffa" in relazione all'assegnazione dei mondiali di calcio del 2018 e del 2022, in Russia e Qatar. Inoltre è stata perquisita la sede Fifa di Zurigo e sono stati sequestrati documenti e materiale on-line. "Sradicheremo la corruzione dal calcio mondiale", ha promesso il segretario alla Giustizia Usa, Loretta Lynch, nel corso di una conferenza stampa a New York.

Al momento né il presidente della Fifa, Joseph Blatter, né il segretario generale, Jerome Valcke, sono coinvolti nell'inchiesta, ha precisato il portavoce Fifa, Walter De Gregorio, smentendo che la voce che il 79enne dirigente elvetico fosse indagato. "Siamo parte lesa", ha dichiarato la federazione mondiale, e anzi "l'inchiesta e' un bene perché si farà pulizia". La Fifa ha anche escluso una nuova votazione sull'assegnazione dei mondiali del 2018 e 2022.

Il voto di venerdì si terrà ugualmente, ma è chiaro che le speranze di rielezione di Blatter per un quinto mandato hanno subito un duro colpo. Il suo unico rivale, il principe Ali Bin Al-Hussein di Giordania, ha parlato di "giorno triste per il calcio" e ha invocato "una nuova leadership che restituisca la fiducia a centinaia di milioni di appassionati".

Le accuse americane vanno dalla corruzione al riciclaggio di denaro fino all'associazione a delinquere, reati commessi in un arco di tempo che copre gli ultimi 24 anni, e hanno portato all'incriminazione di nove dirigenti della Fifa e di cinque uomini d'affari. L'Fbi ha perquisito la sede di Miami della Concacaf, la confederazione che governa il calcio in America centrale e settentrionale e nei Caraibi. Il procuratore generale, Loretta Lynch, ha spiegato che l'inchiesta riguarda "due generazioni di funzionari del calcio" che avrebbero "abusato della loro posizione" per accaparrarsi "milioni di dollari in tangenti e bustarelle". I sospettati avrebbero intascato tangenti per oltre 100 milioni di dollari dagli anni '90 a oggi in cambio di diritti tv, di commercializzazione e sponsorizzazione legati alle partite in America Latina.

"Questa inchiesta riguarda tangenti e corruzione nel mondo del calcio, noi sradicheremo questo sistema, hanno usato il calcio per arricchirsi". Ha annunciato Loretta Lynch, procuratore generale Usa, nel corso della conferenza stampa riguardante l'inchiesta sulla Fifa. "Ci sono dirigenti che hanno corrotto il business del calcio in tutto il mondo e siamo determinati a far cessare queste attività illegali - ha proseguito Lynch -, vogliamo che il calcio torni a essere uno sport libero e di tutti. C'è il coinvolgimento di membri della Fifa, milioni di dollari in tangenti per organizzare tornei in tutto il mondo, parliamo di frodi fiscali, della vendita dei diritti ad alcune compagnie di marketing".

"Nel 2004, prima del Mondiale del 2010, il primo in Africa, i dirigenti Fifa hanno utilizzato il loro potere per permettere al Sudafrica di ospitare la Coppa - ha proseguito Loretta Lynch -. Ci sono stati accordi con alcune organizzazioni, questi individui decidevano dove e come organizzare queste partite. Per quanto riguarda l'ex presidente della Concacaf (Jack Warner) c'è una tangente di 10 milioni di dollari incassata illegalmente. Infine questa mattina abbiamo anche ordinato l'inizio di una fase di ricerche e perquisizioni presso la Concacaf, coinvolgeremo tutti anche l'attuale presidente della Concacaf affinché tutti collaborino. Tutti coloro che stamattina sono stati arrestati a Zurigo avranno diritto a un processo e a spiegare le loro ragioni nelle sedi opportune".

 

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"