TENNIS, WTA CINCINNATI: FUORI PENNETTA E GIORGI, PASSA IL SECONDO TURNO LA KNAPP

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:02

Dopo Flavia Pennetta, anche Camila Giorgi è uscita a Cincinnati nel secondo turno, superato invece da Karin Knapp. Dopo aver eliminato all’esordio la statunitense Christina McHale, la 23enne marchigiana, numero 31 del tennis mondiale, è stata battuta per 5-7 6-3 6-3 dalla tedesca Andrea Petkovic, 14 gradini più in alto nel ranking. In precedenza la Pennetta, numero 26 Wta, aveva ceduto per 6-1 6-4 alla 18enne svizzera Belinda Bencic, numero 12, fresca di vittoria al torneo di Toronto, dove ha sconfitto in finale la romena Simona Halep, numero 3. Avanti invece senza problemi Karin Knapp, numero 35, approdata al terzo turno imponendosi per 6-4 6-1 sulla russa Daria Gavrilova, un gradino più in basso, che nel match precedente aveva eliminato Sara Errani.

Ora la 28enne altoatesina si prepara ad affrontare quella che potrebbe essere considerata una “mission impossible”: sulla sua strada trova infatti la numero 1 del mondo, la statunitense Serena Williams, mai affrontata in precedenza, che, al debutto nel secondo turno in quanto testa di serie, ha regolato per 7-5 6-3 la bulgara Tsvetana Pironkova.

La quinta azzurra al via del Western & Southern Open, torneo Wta Premier, con montepremi di circa 2,4 milioni di dollari, in corso sul cemento nella città dell’Ohio, Roberta Vinci, numero 45, è uscita subito (al pari della Errani), per mano della russa Anastasia Pavlyuchenkova. Tra i risultati del secondo turno a Cincinnati, spiccano le eliminazioni “eccellenti” della ceca Petra Kvitova, numero 4, battuta per 7-5 4-6 6-2 dalla francese Caroline Garcia, n. 39; e della danese Caroline Wozniacki, n. 5, liquidata per 6-0 6-4 dalla bielorussa Victoria Azarenka, n. 21, in una sfida tra ex regine del tennis mondiale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.