Settebello campione del mondo a Gwangju

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35

L'Italia di pallanuoto maschile trionfa a Gwangju ai mondiali di nuoto in Corea del Sud. Il Settebello allenato da Alessandro Campagna vince la medaglia d'oro battendo la Spagna 10 a 5 in finale. Dai parziali (2-2, 5-3, 8-4) emerge la superiorità dimostrata del gruppo azzurro. “Partita perfetta in una giornata perfetta. Oggi dovevamo fare venire fuori la nostra personalità e il nostro ritmo e i ragazzi sono stati esemplari”, ha coomentato su Ansa il Ct dell'Italia di pallanuoto dopo il trionfo in finale. La vittoria è stata festeggiata da tutto lo staff, compreso il ct, con un tuffo nella piscina insieme con la squadra neocampione del modo. Per la nazionale italiana è il quarto titolo iridato, otto anni dopo l'ultimo, conquistato a Shanghai.

Quadarella d'argento in 800 sl donne

Ma le soddisfazioni della Fin in Corea del Sud non finiscono qui. Stamattina, Simona Quadarella ha conquistato la medaglia d'argento negli 800 metri stile libero. Oro alla fortissima statunitense Katie Ledecky. Bronzo all'australiana Ariarne Titmus. Un argento agrodolce per l'atrleta italana, titolo iridato nei 1.500 ai Mondiali di Gwangju: “L'argento me l'aspettavo – ha commentato – ma durante la gara ci ho creduto tantissimo all'oro. Così è un po' brutto, quando stai accarezzando la medaglia… ma sono comunque contentissima”. Medaglia di legno – e podio sfiorato per un pelo – per Federica Panziera che ha chiuso al quarto posto la finale dei 200 dorso donne. L'oro è sanato alla statunitense Regan Smith, l'argento alla australiana Kaylee McKeown, il bronzo alla canadese Kylie Masse, che ha preceduto di soli cinque centesimi l'azzurra, che ha pagato una partenza non felice.
   

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.