MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 19:00, IN TERRIS

SESSANTACINQUE ANNI FA "L'ALFETTA 158" VINCEVA IL PRIMO GP D'EUROPA

Il 13 maggio 1950 “Nino” Farina salì sul podio a Silverstone nella corsa del Mondiale di Formula 1

REDAZIONE
SESSANTACINQUE ANNI FA
SESSANTACINQUE ANNI FA "L'ALFETTA 158" VINCEVA IL PRIMO GP D'EUROPA
Era il 13 maggio di 65 anni fa, quando a Silverstone, sulla pista ricavata da un vecchio aeroporto militare della Royal Air Force, si svolse  il primo Mondiale di Formula 1.  In gara in Inghilterra si presentarono quattro Alfa Romeo 158 guidate dai piloti Giuseppe “Nino” Farina,  Luigi Fagioli, l'argentino Juan Manuel Fangio, e Reg Parnell, pilota britannico scelto in onore del Paese ospitante.

A vincere quel giorno fu “Nino” Farina che si aggiudicò anche il primo “hat trick” della F.1: pole position, vittoria e giro più veloce, oltre al titolo di campione del mondo a fine stagione. Furono dell'Alfa Romeo anche il secondo e terzo posto, le vetture della Casa milanese ebbero la meglio poi in tutta la stagione, tanto che il trio Farina-Fagioli-Fangio fu soprannominato dal pubblico “le 3F” e rese famoso nel mondo il marchio automobilistico italiano.

L'antica monoposto Alfetta 158, la sigla indicava la cilindrata di 1500 cc ed il numero dei  cilindri, 8 per la precisione, che ora è uno dei "pezzi" più preziosi del Museo Storico Alfa Romeo, è nata nella primavera del 1937.  Arrivò a Silverstone nel ’50 con quasi 300 cv mentre nel 1951, con la “159″, evoluzione della stessa “158″, il motore arrivò a una potenza massima di 425 cv (450 in prova), grazie a un compressore a doppio stadio e a una serie di altre migliorie. Dopo il secondo mondiale vinto da Fangio con la “159″, l’Alfa Romeo si ritirò ufficialmente dalle gare per concentrarsi nella produzione di serie.

In questo anno in cui il logo Alfa Romeo è tornato in pista sulla pancia delle Ferrari al posto di quello Fiat, il 24 giugno, giorno in cui invece si festeggeranno i 110 anni dalla fondazione, verra presenteta al mondo la nuova Giulia, di cui Marchionne non ha ancora svelato il vero nome.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"