GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019, 18:42, IN TERRIS


CASO PALERMO

Serie B, il Tar ferma tutto: Foggia (per ora) ai playout

Delibera del Consiglio direttivo congelato: l'11 giugno si decide

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Figc
Figc
S

embra non finire mai la Serie B 2018-2019. Gli effetti collaterali del caso Palermo, oltre ad aver sconvolto la classifica e rivisto gli accoppiamenti dei playoff promozione, aveva spinto il Consiglio direttivo della Lega B a optare per la decisione di non far disputare le sfide dei playout, condannando così il Foggia alla retrocessione in Serie C anziché elevarlo alla disputa del doppio match salvezza contro la Salernitana che, a sua volta, avrebbe dovuto giocare il playout con il Venezia, salvando di fatto veneti e campani. Ora il Tar ha accolto il ricorso della società pugliese e stabilito che, invece, quelle due partite si dovranno giocare. O meglio, la revisione della decisione del Consiglio direttivo è solo "congelata", nel senso che la sospensione è stata decisa come cautelare in attesa di quello che sarà il pronunciamento definitivo del Tribunale amministrativo il prossimo 11 giugno.


Scenari variabili

Inanto, però, il Foggia torna provvisoriamente "salvo" o quantomeno ancora in linea di galleggiamento, pronto a giocarsi una chance che sembrava decisamente remota al termine di una stagione non certo esaltante. Quella possibilità potrebbe concedergliela proprio il Tar, secondo il quale "la modifica della graduatoria del campionato, a seguito della retrocessione della squadra del Palermo provoca uno scorrimento che ha come effetto quello di permettere la disputa dei playout a squadre diverse rispetto a quelle individuate nella precedente graduatoria". In sostanza, l'esatto contrario di quanto era stato disposto dal Consiglio direttivo. Va da sé che il tutto dipenderà dall'esito del processo d'Appello, al quale ha fatto ricorso il Palermo in relazione al pronunciamento sui presunti illeciti amministrativi che, come pena, hanno significato il declassamento nonostante il terzo posto in campionato. Qualora la sentenza del Tribunale federale fosse confermata, la decisione del Tar diventerebbe quasi ufficiale e i playout si andrebbero a giocare. Ma c'è anche un'altra possibilità: il Palermo, infatti, potrebbe puntare a ottenere la trasformazione del declassamento all'ultimo posto in classifica in una penalizzazione pesante (salvando in questo modo quasi certamente la categoria). A quel punto, i playout si giocherebbero ma tra Venezia e Salernitana, come stabilito da regulare season. Per saperlo, a ogni modo, non ci sarà da aspettare molto.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
SERIE B

Illecito amministrativo, Palermo in C

Lo ha stabilito la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc. Probabile ricorso. Al momento niente playout

Tifoseria del Palermo
Degradato e, quindi, retrocesso: potrebbe finire così l'avventura 2018-2019 del Palermo, tecnicamente conclusa al terzo posto grazie...
NEWS
L'ozono
LA RICERCA

Il buco dell'ozono ora è grande la metà, dicono gli scienziati

Per i rilevamenti del Cams al Polo Sud ha raggiunto le dimensioni minime dal 1985. Ma nel resto del mondo aumenta
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Papa Francesco: "Senza Dio, i governi cadono"

La catechesi del Pontefice sul discernimento e l'opposizione del potere
La stazione Centrale di Milano
MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita
Poligono di tiro

Quattro milioni di italiani armati

Cresce del 4% all'anno il numero di cittadini che hanno in casa un fucile o una pistola, quasi sempre per uso sportivo. Porto...
Delfino
ANIMALI

Non solo l'uomo: la resistenza agli antibiotici colpisce anche i delfini

Uno studio mette in luce i trend in linea con quelli dell'uomo.