Serie A, il Pescara batte il Palermo 2 a 0

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:53

Nel posticipo della 37ma giornata di Serie A, il Pescara batte per 2 a 0 il Palermo, in un match che ha visto affrontare due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi passano in vantaggio al 15′ con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell’incontro è giunto il raddoppio firmato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara vince la terza partita in campionato. Per Zeman 8 punti, da febbraio a oggi.

La partita

Il Palermo, con a seguito una cinquantina di tifosi, sembra distratto. Zampano serve in modo grossolano Nestorovski al limite dell’area, ma il bomber rosanero calcia con poca convinzione. Al 34’, sempre Zampano, da destra, può sfondare sul taglio di Brugman, arriva al limite ma sbaglia il servizio a centro area per Caprari. Al 39’ una verticalizzazione per Muric: Fulignati esce fino al limite dell’area per anticiparlo ed evitare il bis del croato. Al Palermo basta poco per tastare le falle difensive degli abruzzesi: prima dell’intervallo, da un angolo ecco Chochev che sfiora il palo.

Il secondo tempo

La ripresa si apre al 4’ con il cross di Rispoli da destra per il colpo di testa sul lato opposto di Chochev: di nuovo il bulgaro vicino al pareggio. Le squadre si allungano e aumentano le occasioni. Al 9’ Cerri non riesce a coordinarsi sulla palla di Brugman. Al 10’, torna in curva Nord, dopo tre mesi, una rappresentanza degli ultras per alzare i toni della contestazione già in atto da mesi contro il presidente Sebastiani, il ds Leone e, per la prima volta, lo stesso Zeman. Chochev al quarto d’ora va vicinissimo per la terza volta al pari ma provvidenziale è l’intervento di Fiorillo. Gilardino al 31’ fa il suo esordio stagionale all’Adriatico. L’ex bomber della Nazionale non ha palloni giocabili per segnare il primo gol del 2017, ma la squadra di Zeman porta a conquista il match nel finale con Mitrita che approfitta della addormentata difesa del Palermo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.