DOMENICA 10 SETTEMBRE 2017, 23:36, IN TERRIS

Serie A, il Napoli espugna il Dall'Ara: Callejon-Mertens-Zielinski, Bologna k.o.

Partita sofferta per i partenopei, bravi a sfruttare la prima disattenzione dei felsinei. Sarri in vetta assieme a Inter e Juve. Nel pomeriggio, vittoria del Torino sul Benevento

REDAZIONE
Serie A, il Napoli espugna il Dall'Ara: Callejon-Mertens-Zielinski, Bologna k.o.
Serie A, il Napoli espugna il Dall'Ara: Callejon-Mertens-Zielinski, Bologna k.o.
Dopo Juventus e Inter, anche il Napoli centra la terza vittoria di fila in questo inizio di stagione, superando 3-0 il Bologna al Dall'Ara e appaiandosi alle due rivali in vetta alla classifica a punteggio pieno. Un successo tutt'altro che semplice per i partenopei che, nonostante l'ampio score, hanno faticato più del previsto contro una formazione organizzata e fermamente intenzionata a non ripetere figuracce come l'1-7 dello scorso anno. Le invenzioni offensive del tridente di Donadoni hanno dato parecchi patemi alla difesa azzurra, tenuta in piedi da un Reina superlativo su Verdi e Destro. I felsinei hanno pagato la prima incertezza difensiva, con Callejon bravo ad approfittare di un errore di Masina per colpire di testa e spianare la strada ai suoi. A chiudere i conti, nel finale, ci hanno pensato Mertens e Zielinski, fissando il risultato su 3-0 fin troppo pesante per il Bologna.

Verdi scatenato


Nonostante l'impegno di Champions incomba, Sarri sceglie saggiamente di non sottovalutare l'impegno del Dall'Ara, schierando la formazione tipo contro i rossoblu. Donadoni, da parte sua, schiera l'11 classico, affidandosi alle invenzioni di Di Francesco e Verdi a supporto della punta Mattia Destro. E, proprio i primi due, dimostrano nuovamente di saperci fare, annunciando margini di crescita ancora ampissimi: al minuto 6, l'asse Di Francesco-Verdi funziona perfettamente, con il numero 9 bravissimo a lasciare sul posto Hysay con un doppio passo e a concludere in diagonale di sinistro, facendo sibilare il pallone a un dito dal palo lontano. Un bello spavento per il Napoli che, in effetti, non riesce a mostrare il solito gioco brillante e dominatore: il Bologna fa densità in mezzo al campo e parte bene in contropiede. Un'altra occasione per i felsinei arriva su calcio piazzato, con Reina che neutralizza una punizione ancora di Verdi. Poi è l'arbitro a rendersi protagonista, annullando (giustamente) un gol a Masina per fuorigioco, con il terzino che interviene su un tiro (manco a dirlo) di Verdi deviandolo in rete. I partenopei rispondono con una conclusione di Insigne neutralizzata da Mirante e poco altro. A riposo si va a reti bianche.

Napoli cinico


Il cambio di passo arriva nella ripresa: Sarri aspetta poco più di un quarto d'ora per rilevare Hamsik e inserire Zielinski, il quale vivacizza non poco la manovra offensiva del Napoli. Dopo una nuova parata salvarisultato di Reina su Destro, l'azione del gol la confezionano Insigne e Callejon, con lo spagnolo bravissimo a fiondarsi alle spalle di Masina su un cross del numero 24 e a infilare di testa Mirante per l'1-0. Il gol è un duro colpo per i padroni di casa che, nonostante la buona prova fin lì disputata, vengono puniti al primo errore e, inevitabilmente, la concentrazione cala. Ne sa qualcosa Pulgar che, a 7' dalla fine, si fa soffiare il pallone da Mertens, armando il sinistro del belga per il 2-0 che manda in archivio il match. Anzi no, perché c'è ancora spazio per la seconda rete consecutiva di Zielinski, rivelatosi ancora una volta decisivo: il sigillo del polacco vale il 3-0 finale e la vetta della classifica. Il Napoli sa vincere anche soffrendo.

Benevento, che sfortuna!


Con una parte della Campania in festa, l'altra continua a mangiarsi le mani per l'ennesima partita sfortunata. Il Benevento, infatti, incappa nella terza sconfitta di fila nel match pomeridiano contro il Torino, piegandosi solamente al 93' al termine di un match equilibrato. I granata, apparsi non in formissima, risolvono la pratica allo scadere con una zampata vincente di Iago Falque, liberato benissimo da Ljaijc, punendo oltremodo una formazione fin lì quasi impeccabile. Un super-Sirigu ha detto no, in serie, a Iemmello, Cataldi e Lazaar consentendo ai suoi di rimanere a galla e di festeggiare una vittoria tutt'altro che semplice contro una matricola tanto ordinata quanto sfortunata. Gli uomini di Baroni restano fanalino di coda del campionato, senza nessun punto conquistato in tre partite.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jessica Notaro
QUIRINALE

Mattarella conferisce 30 onorificenze al merito

Insignita anche Jessica Notaro e don Paolo Felice Giovanni Steffano
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
L'ex premier del Libano Saad Hariri
LIBANO

Il premier Hariri atterrato a Parigi: rientrerà a Beirut il 22 novembre

Macron ha invitato lui e la moglie "per qualche giorno o qualche settimana"