LUNEDÌ 01 FEBBRAIO 2016, 000:13, IN TERRIS

SERIE A, IL DERBY DELLA MADONNINA E' ROSSONERO: INTER ASFALTATA 3-0

In gol Alex, Bacca e Niang. Icardi prende il palo su rigore, espulso Mancini

REDAZIONE
SERIE A, IL DERBY DELLA MADONNINA E' ROSSONERO: INTER ASFALTATA 3-0
SERIE A, IL DERBY DELLA MADONNINA E' ROSSONERO: INTER ASFALTATA 3-0
Milano è rossonera. A San Siro esplode la gioia dei tifosi del Milan.  Sinisa ora è a -5 dall’Inter e a -6 dal terzo posto. Ma se Mihajlovići vuole raggiungere la zona Champions, c’è da faticare. Bisogna ritrovare certezze tattiche. Mancini si fa cacciare a inizio ripresa, ed esce con gesti (dito medio) che fanno impazzire i social; la sua squadra, già non eccelsa prima, si sfalda dopo il palo di Icardi, commettendo una serie di errori.
Mihajlovic trova la sua miglior vittoria da quando è al Milan, con una formazione quadrata: due punte negli spazi, un difensore sopra la media (Romagnoli) e uno che gli indirizza la gara (Alex), anche se poi rischia di riaprirla. In mezzo, Honda si fa notare, Montolivo spezza. Non sarà il Milan di una volta, ma è la vittoria più larga in un derby, dopo 7 gare di 1-0, 0-0 o 1-1.



“Derby ascensore”: più che una coreografia, era uno spoiler. La Curva Sud accoglie così i suoi con il famoso stacco di Mark Hateley nel derby dell’ottobre 1984, e l’invito: “Sovrastiamoli”. E la premonizione si avvera: è il 35’ del primo tempo, ed è il primo gol per vie aeree subito dall’Inter in tutto il campionato. Cross di Honda dopo un corner battuto corto, Juan Jesus si perde Alex, che salta in testa a Santon e infila su Handanovic. Per il brasiliano è il secondo gol stagionale, il terzo col Milan. Gli altri due contro Frosinone e Sassuolo: ad occhio, il più importante.







La curva milanista, però, non poteva prevedere il secondo tempo (o per lo meno non aveva i disegni pronti): nessuna anticipazione quindi del liscio di Donnarumma, al 5’, che quasi in innesca Eder. Sull’uscita disperata tocca la palla con la mano, ed Eder va giù: non è rigore, probabilmente punizione. L’arbitro non fischia e Mancini protesta: espulso. La partita gira definitivamente al 25’ della ripresa: Icardi, entrato da 5’ impegna Donnarumma dopo un filtrante di Ljajic. Sulla respinta fallo di Alex su Maurito, che si presenta dal dischetto: spiazza il portiere, ma non il palo, preso in pieno. Niang affonda e piazza il cross, su cui Bacca arriva in scivolata (28’ s.t.). Poi è ancora il francese a raccogliere il suggerimento di Bonaventura: Handanovic para la prima ma non la seconda. Il Milan vince la stracittadina.








Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini
VERSO LE ELEZIONI

Centrodestra, i leader firmano il programma

Berlusconi, Salvini e Meloni sottoscrivono il documento a Palazzo Grazioli. L'ex premier: "Ampiamente condiviso"
Perris, la casa-prigione dei 13 ragazzi
IL CASO

California, i genitori aguzzini rischiano l'ergastolo

I due coniugi sono accusati di tortura. Rivelati dettagli inquietanti sulle condizioni di detenzione dei propri figli
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni