SABATO 13 GIUGNO 2015, 000:41, IN TERRIS

QUALIFICAZIONI EURO 2016: ITALIA TOSTA, CROAZIA DOMATA

Vantaggio di Mandzukic, pari di Candreva. Buffon para un rigore, gli azzurri sciupano nel finale

REDAZIONE
QUALIFICAZIONI EURO 2016: ITALIA TOSTA, CROAZIA DOMATA
QUALIFICAZIONI EURO 2016: ITALIA TOSTA, CROAZIA DOMATA
L'Italia pareggia 1 a 1 con la Croazia e resta seconda nel girone in una gara iniziata con la vergogna della svastica disegnata in campo dai tifosi di casa. Come da previsioni, il ct opta per il 4-3-3. Tridente offensivo composto da Candreva-Pellè-El Shaarawy, in mediana Parolo vince il ballottaggio con Parolo. Kovac disegna la Croazia con il 4-2-3-1, l'unica punta è il temuto Mandzukic, alle sue spalle si piazzano Perisic, Olic e l'interista Kovacic. La gara si mette subito in salita per gli azzurri. Dopo soli sei minuti, Atkinson assegna un rigore per i padroni di casa: decisione ineccepibile per sanzionare l'ingenuo intervento di Astori su Srna all'altezza della linea di fondo. Dagli undici metri, Mandzukic si fa ipnotizzare da Buffon. L'Italia si salva e poco dopo va in rete con El Shaarawy, servito da Candreva: l'arbitro però annulla per un fuorigioco che secondo il replay non c'è.

Tra esultanze e successive proteste, molti azzurri restano nella metà campo dei padroni di casa: i croati approfittano dell'avversario sbilanciato e sul capovolgimento di fronte vanno in rete con Mandzukic, che insacca sull'assist al bacio dalla destra di Rakitic. La Nazionale di Conte prova a reagire e si fa vedere con El Shaarawy che si fa anticipare da Vida in mezza rovesciata. Ancora Vida salva sulla linea sul tentativo di Marchisio. I croati rispondono in contropiede, Kovacic prova il tiro di prima intenzione che viene respinto da De Silvestri in scivolata. Nell'occasione, il difensore si fa male ed è costretto ad uscire in barella: l'infortunio al ginocchio che sembra serio. A sostituirlo, De Sciglio.Azzurri ancora pericolosi con El Shaarawy, l'attaccante del Milan spreca una grande occasione calciando debolmente davanti a Subasic dopo l'invito di Pellè. Tre minuti dopo, l'occasione per il pari: Mandzukic tocca nettamente di mano sulla punizione di Pirlo, Atkinson indica il dischetto. Si incarica del rigore Candreva con un delizioso pallonetto (35').

Prima dell'intervallo gli azzurri sfiorano il vantaggio: Pirlo lancia splendidamente in area Pellè, il suo destro di controbalzo viene sventato in angolo da Subasic. Nell'intervallo altro cambio forzato per Conte: Buffon resta negli spogliatoi per problemi al ginocchio destro, a difendere i pali dell'Italia nel secondo tempo è Sirigu. Intanto è giallo per una svastica che appare disegnata sull'erba del terreno di gioco: l'Uefa ordina la cancellazione, la Federazione croata rischia pesanti sanzioni. Tornando al calcio giocato, l'Italia si mostra brillante e si avvicina nuovamente al 2-1: a sbagliare è ancora El Shaarawy, che non colpisce come dovrebbe di testa l'ottimo pallone di Candreva.

Lo stesso trequartista della Lazio, dopo un gran spunto che lo porta a superare due avversari, serve Pirlo: il destro dello juventino termina alto sulla traversa. Altra occasione per gli azzurri con il destro dai 12 metri di Parolo, servito da El Shaarawy a sua volta servito dall'incontenibile Candreva: conclusione debole, nessun problema per Subasic. La Croazia però è ancora viva e spaventa Sirigu con un gran sinistro dai 30 metri di Perisic: sfera che si spegne alla sinistra del portiere azzurro. Non inquadra la porta nemmeno Rakitic, che carica il sinistro dopo aver ricevuto palla da Perisic. Per l'ultima parte di gara, Conte si cautela richiamando El Shaarawy e rinforzando la difesa con Ranocchia. I padroni di casa chiudono in dieci per il rosso a Srna, che rimedia il secondo giallo per un fallaccio di Marchisio. Finisce 1-1: ad entrambe le squadre va benissimo così.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...