Olimpiadi: una nuova organizzazione dei giochi fa sperare Roma per il 2024

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:36

Un’ idea nuova, rivoluzionaria e low cost: questi sono gli aggettivi che maggiormente si addicono alla nuova riforma approvata ieri dal Cio a Montecarlo. Una sola Olimpiade ma spalmata su più città e questo fa ben sperare Roma per una candidatura. Tra gli obiettivi principali c’ è quello di ridurre i costi senza far gravare tutto su un unico paese. E’ stato inoltre deciso di limitare a quattro le presentazioni pubbliche, di favorire l’impiego di impianti esistenti o di strutture provvisorie e di premiare i progetti che meglio si adattano alla realtà sociale, economica, ambientale e sportiva del paese ospitante.

Thomas Bach, il presidente del Cio ha commentato così questa riforma: “E’ stato un grande risultato, ci felicitiamo con tutti. Le città candidate puntano ad obiettivi di sviluppo differenti e partono da punti molto diversi. Noi abbracciamo questa diversità, che è parte della magia delle Olimpiadi e – aggiunge – i giochi sono globali per questo gli standard di una sola parte del mondo non possono essere il punto di riferimento”.

“Noi abbiamo successo e questo è il motivo migliore per cambiare. Il successo di oggi – conclude Bach –  offre l’opportunità di lottare per il cambiamento per domani. Noi dobbiamo farlo perché lo sport oggi è troppo importante per ignorare il resto della società. Non viviamo su un’isola, viviamo al centro di una società moderna, diversificata e digitale”. Tutte le città che si vorranno candidare per le Olimpiadi del 2024 dovranno formalizzare la loro proposta al Cio entro il 15 settembre 2015.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.