Olimpiadi 2024: dopo l’Italia, si candida anche la Germania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

La Germania si candida come sede delle Olimpiadi del 2024 e questo per l’Italia rischia di essere un duro ostacolo da superare perché anche Roma vorrà ospitare i Giochi nello stesso anno. Lo rende noto il Comitato olimpico tedesco (Dosb) che formalizzerà la decisione il prossimo 6 dicembre in occasione dell’Assemblea generale del Dosb in programma a Dresda che a sua volta deciderà se candidare Berlino o Amburgo.

Alfons Hoermann, presidente del Dosb, dopo il meeting che si è tenuto a Neu-Isenburg, vicino a Francoforte ha detto: “Sono convinto che il progetto olimpico può essere positivo per il nostro paese e sarà tale. E’ anche un’importante chance per il nostro movimento sportivo” – concludendo che – “Bisogna pubblicizzare il prodotto per convincere i cittadini”.

Le ultime Olimpiadi che ospitò Berlino risalgono al 1936 (i Giochi di Hitler e di Jesse Owens) e aveva fallito l’assalto all’edizione del 2000, poi andata a Sydney, mentre Amburgo non ha mai organizzato un’Olimpiade. L’ultima edizione dei Giochi in Germania si svolse nel 1972 a Monaco, che passò alla storia per l’assalto del gruppo terroristico palestinese Settembre Nero nel villaggio olimpico, che provocò la morte di 11 atleti israeliani, oltre a quella di cinque terroristi e di un poliziotto tedesco. L’Italia, dopo la bocciatura del governo Monti a un’eventuale candidatura per il 2020, sta valutando se riproporre la capitale per l’edizione successiva. Oltre a Roma e alla città tedesca, potrebbero farsi avanti Parigi, Doha, Istanbul e una fra Los Angeles, San Francisco, Washington e Boston. Rio de Janeiro sarà invece la città che ospiterà, tra meno di due anni, le prossime Olimpiadi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.