MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE 2016, 18:54, IN TERRIS

Neymar nella bufera: la Procura di Madrid chiede 2 anni di reclusione per frode

Avanzati atti d'accusa anche nei confronti dei genitori. Chiesta l'archiviazione per il presidente del Barça Bartomeu

REDAZIONE
Neymar nella bufera: la Procura di Madrid chiede 2 anni di reclusione per frode
Neymar nella bufera: la Procura di Madrid chiede 2 anni di reclusione per frode
Non si ferma l'onda lunga del caso Neymar. La Procura dell'Audiencia Nacional, l'alta corte di giustizia spagnola, ha richiesto, per l'asso del Barcellona, 2 anni di reclusione e 10 milioni di euro di ammenda, nell'ambito del processo per frode e corruzione istituito dopo il suo controverso trasferimento in Spagna dal club brasiliano del Santos, avvenuto nell'estate 2013. Secondo quanto riportato dal quotidiano iberico El Mundo, una richiesta di condanna, pari a 5 anni, sarebbe stata indirizzata anche nei confronti dell'ex presidente blaugrana, Sandro Rosell, e una di 3 per l'allora numero uno del Santos, Olindo Rodrigues.

Il procuratore José Perals, nell'ambito della sua requisitoria, ha peraltro richiesto una multa di 8,4 milioni di euro per il club spagnolo e 7 per quello brasiliano, chiedendo invece l'archiviazione, per insufficienza di prove, per l'attuale presidente del Barcellona, Josep Maria Bartomeu, per il quale erano stati richiesti 8 anni di reclusione. Addirittura ridimensionate le pene rispetto a quelle contenute nell'atto d'accusa avanzato dalla Dis (5 anni per Neymar), il fondo d'investimento possessore, all'epoca dei fatti, del 40% del cartellino del calciatore. Nel mirino della Procura, anche i genitori dell'attaccante blaugrana: chiesti 2 anni per il padre e 1 per la madre, oltre a una multa di 10 milioni ciascuno e di 1,7 per l'azienda familiare, la N&N. La Dis, inoltre, avrebbe avanzato una richiesta di risarcimento tra i 160 e i 190 milioni di euro, per i danni causati dalla cessione del giocatore.

L'avvio delle indagini risale al gennaio 2014, quando il pubblico ministero di Madrid riscontrò alcune discordanze nei documenti riguardanti la cessione delle prestazioni sportive del calciatore, in particolare nelle cifre versate ai genitori. Una successiva fase di stallo, coincisa con l'archiviazione del caso a luglio, era stata interrotta nel settembre scorso, quando la Dis chiese la riapertura del processo, lamentando un presunto accordo tra i due club per nascondere il reale valore del calciatore, al fine di non versare al fondo quanto dovuto. Un mese dopo, il 7 ottobre, la Procura di Madrid ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti degli interessati, procedendo, in seguito, a rendere note le pene richieste dall'accusa nell'ambito del procedimento giudiziario.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles