Neymar al Psg, il Qatar paga la clausola rescissoria: aggirato il fair play finanziario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:08

E’ quasi fatta per Neymar al Psg. L’attaccante brasiliano potrebbe sostenere già martedì 1 agosto le visite mediche con il club parigino, visite che si dovrebbero svolgere a Doha, capitale del Qatar, stato che alimenta le casse del Psg attraverso i soldi del fondo sovrano gestito da Al Khelaifi. Lo riporta Sky Sport, citando fonti brasiliane e spagnole, anche se il calciatore blaugrana, dopo aver giocato negli Stati Uniti le amichevoli contro il Manchester United e il Real Madrid, è volato in Cina, più precisamente a Shaghai, per prendere parte ad alcuni eventi col proprio sponsor. Lo testimoniano anche alcune foto postate dall’attaccante tra le stories del suo profilo Instagram.

Aggirato il fair play finanziario

Le cifre del passaggio di Neymar dal Barcellona al Paris Saint-Germain sono da capogiro. In totale il club francese garantirebbe all’attaccante brasiliano 150 milioni di euro in 5 stagioni, ai quali si aggiungerebbero la commissione per il padre, agente di Neymar, che intascherebbe ben 36 milioni di euro. Aggirato il problema della clausola di 222 milioni di euro che, come come più volte ricordato dal presidente Bartomeu, il Barcellona vuole che sia pagata fino all’ultimo centesimo. I soldi ai francesi non mancano, ed ecco allora l’idea del Psg per aggirare le regole imposte dalla Uefa: far pagare allo stesso Neymar la propria clausola grazie ai 300 milioni che la Qatar Sports Investment, il fondo che gestisce gli investimenti sportivi della casa reale saudita (dunque anche quelli di El Khelaifi, proprietario del Psg) gli garantirà in qualità di testimonial principale dei prossimi Mondiali del 2022. Dunque, sarà il Qatar stesso a pagare la clausola.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.