MOTO GP: LORENZO CADE, ROSSI ALLUNGA IN CLASSIFICA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:19

Gara caotica quella del Gp di San Marino, resa imprevedibile dalla pioggia a intermittenza. Ne esce vincitore il campione del mondo Marc Márquez, premiato dalle scelte strategiche. Si ferma al quinto posto Valentino Rossi, che grazie alla caduta di Lorenzo allunga il distacco in classifica a 23 punti sul suo compagno/rivale.

“È andata bene per il campionato ma davanti a tutta questa gente sarebbe stato bello finire sul podio”, ha commentato il Pesarese ai microfoni di Sky: “è una gara che lascia l’amaro in bocca perché ero veloce sia sul bagnato che sull’asciutto. Sarei dovuto rientrare prima, dai box hanno un po’ tardato, dovevamo pensare a fare la scelta giusta e meno azzardata. Marc è stato intelligente. Io ho fatto un giro di troppo perché marcavo Jorge.”

Sul podio con Márquez i motociclisti britannici Brad Smith e Scott Redding, che hanno scelto di non effettuare cambi moto e non si sono quindi dovuti fermare ai box. “Ero proprio dietro alle Yamaha e potevo vedere le condizioni dell’asfalto e delle gomme.” Ha commentato il campione del mondo al termine della rocambolesca gara: “Vedevo che gli pneumatici di Lorenzo e Rossi si stavano degradando rapidamente e la mia moto iniziava a muoversi un po’ troppo. Allora ho deciso di non perdere altro tempo e mi sono detto: ‘Ok, è il momento di cambiare’.”

“E’ bello essere di nuovo sul podio. – continua Márquez – L’obiettivo era la vittoria, per cui siamo tutti davvero felici”. Difficilmente però il pilota della Honda riuscirà a raggiungere Rossi – a 63 punti di distanza – in testa alla classifica del mondiale. Ci crede ancora invece Lorenzo che dopo la caduta ha detto ai giornalisti: “Ho recuperato 28 punti in 4 gare, posso riprenderne 23 in cinque, sull’asciutto.”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.