LUNEDÌ 20 APRILE 2015, 004:00, IN TERRIS

MILAN E INTER NON SI PUNGONO. VINCE LA PAURA DI SBAGLIARE

Il derby della Madonnina si chiude sullo 0-0. Nerazzurri più vicini alla vittoria ma non basta

REDAZIONE
MILAN E INTER NON SI PUNGONO. VINCE LA PAURA DI SBAGLIARE
MILAN E INTER NON SI PUNGONO. VINCE LA PAURA DI SBAGLIARE
Il derby della Madonnina si conclude senza sussulti. Lo 0-0 finale è figlio della paura di sbagliare l'ultima occasione per salvare una stagione in cui Milan ed Inter non sono mai state protagoniste. Nelle file interiste la novità è l'esordio del 18enne Gnoukouri, tandem d'attacco formato da Palacio ed Icardi supportati alle spalle da Hernanes. Nel Milan esordio da titolare per Suso, che completa il tridente con Bonaventura e Menez. Destro si accomoda in panchina. Primo tempo non entusiasmante sotto il piano dello spettacolo ma non privo di spunti. Parte bene l'Inter, che impegna Diego Lopez dopo pochi minuti con un gran sinistro di Hernanes. I nerazzurri controllano la manovra, Kovacic tenta il destro da fuori area ma la palla si spegne sul fondo. Prova a scuotersi il Milan, Menez fugge sulla sinistra e mette in mezzo un pallone pericoloso, Juan Jesus libera. Poi è Handanovic a dire per due volte 'no' a Suso.

Alla mezz'ora, Alex va a segno sulla punizione di Suso ma Banti aveva già fermato tutto per fuorigioco del brasiliano. Episodio da rivedere. Si va alla ripresa dove al quarto d'ora è pericolosa l'Inter: dopo la sponda di Icardi Palacio supera in uscita Diego Lopez e va di sinistro, Mexes salva sulla linea. Ancora nerazzurri in avanti con un tiro dalla distanza di Kovacic, la palla esce fuori di un soffio. Altro episodio dubbio, stavolta in area rossonera: grandi proteste dell'Inter per un presunto tocco di braccio di Antonelli sulla conclusione di Hernanes.

Nerazzurri ancora infuriati con Banti che annulla un gol, anzi un autogol di Mexes sul cross basso di Icardi, per un presunto fallo di Palacio su Antonelli. Alla mezz'ora Inzaghi si gioca la carta Destro, fuori Suso. Mancini opta per la staffetta Kovacic-Shaqiri. La gara si infiamma: prima Diego Lopez sventa in angolo un sinistro dalla distanza di Juan Jesus, quindi lo stesso portiere del Milan si oppone con un gran riflesso al tentativo ravvicinato di Palacio.

Ancora Inter pericolosa con un mancino di D'Ambrosio con palla che sorvola la traversa. Superata senza danni la sfuriata nerazzurra, i rossoneri si rifanno vedere in avanti con Destro, che riceve palla da Bonaventura e in girata non riesce a sorprendere Handanovic. Brividi finali con un bolide destro di Icardi che non inquadra lo specchio e una sfrobiciata di De Jong su cross di Cerci: Handanovic blocca. Finisce 0-0: un risultato che non serve a nessuno.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud