GIOVEDÌ 15 GIUGNO 2017, 19:26, IN TERRIS

Milan e Donnarumma, è addio. I rossoneri: "Non rinnoverà"

Il portiere-fenomeno della squadra rossonera ha fatto sapere, tramite il suo procuratore Raiola, che non proseguirà la sua carriera a Milanello. Da Mihajlovic a Montella, storia di una bandiera mancata

REDAZIONE
Milan e Donnarumma, è addio. I rossoneri:
Milan e Donnarumma, è addio. I rossoneri: "Non rinnoverà"
Lanciato da Sinisa Mihajlovic, consacrato da Vincenzo Montella e, in mezzo, un talento sconfinato solo da far crescere. E, magari, da preservare dalle parti di Milanello, in nome non solo di un affetto che, trattandosi di un prodotto del settore giovanile, c'è di per sé ma anche di una certa riconoscenza verso una società che in lui ha fortemente creduto. Niente di tutto questo: alla fine, il baby-prodigio del Milan, Gianluigi Donnarumma, ha scelto di non rinnovare con la squadra che lo ha allevato e proiettato, ancora minorenne, nel calcio dei grandi. La decisione del portierone della nazionale è stata comunicata dal suo procuratore, Mino Raiola.

Tempi che cambiano


Non diventerà una bandiera e, a questo punto, non sarà probabilmente nemmeno considerato fra i simboli della squadra rossonera. La scelta di salutare i colori del Milan, d'altronde, è un po' l'emblema di un calcio che cambia, perdendo sempre più quei valori che, fino a qualche decennio fa, non era così raro incontrare sui campi da gioco. Il recente addio di Francesco Totti, ad esempio, ha sancito davvero la fine di un'epoca: quello della passione per una squadra e dell'amore per i propri colori, sentimenti così radicati da essere anteposti all'ambizione professionistica. Nulla da dire perché, in fondo, i tempi cambiano e, d'altronde, un addio pur doloroso mitiga solo in parte due annate da protagonista assoluta a difesa della porta milanista.

Bandiera mancata


Mihajlovic lo disse subito: "E' un predestinato". Il suo successore, Christian Brocchi, lo ha confermato; quello successivo, Montella, lo ha ribadito. E Gigio si è conquistato il posto non solo in porta ma anche nel cuore dei tifosi che, in lui, vedevano un probabile erede della schiera di bandiere rossonere, capaci di legare il proprio nome in modo indissolubile a uno dei club più vincenti del calcio mondiale. Quello stesso team che, ora, si dice "profondamente amareggiato" dalla decisione di Donnarumma. Le speranze rimangono tali: dal prossimo anno Gigio vestirà una nuova maglia e, assai probabilmente, sarà in un campionato lontano dal nostro. Peccato.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La questura di Reggio Calabria
'NDRAGHETA

Vietati i funerali solenni di Carmelo Muià

La procura: "Motivi di sicurezza". "Mino" fu ucciso in un agguato il 18 gennaio
Il cardinal O'Malley e Papa Francesco
O'MALLEY

"Il Papa riconosce gli errori di chi ha abusato di bambini"

L'arcivescovo di Boston: "Non c'è posto nella Chiesa per i pedofili. Tolleranza zero"
Toto Riina
PALERMO

Cinque fermati, c'è anche il figlio dell'autista di Riina

L'accusa è di mafia ed estorsione. Di Stasio: "Continuano ad alimentarsi con il pizzo"
Il segretario del Pd, Matteo Renzi
FLAT TAX

Renzi: "E' un Robin Hood al contrario". E rilancia gli 80€

Il segretario Pd: "E' per i milionari come Berlusconi e Grillo, irrealizzabile economicamente"
Il vicepresidente americano Mike Pence
MEDIO ORIENTE

Deputati arabi contro il discorso di Pence

Il vicepresidente Usa incontra Al Sisi, poi la visita in Giordania e Israele
Particolare dello
ARTE

Al via il restauro dello "Stendardo" di Tiziano

Trasferito dalla Galleria Nazionale delle Marche nei laboratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione