VENERDÌ 27 DICEMBRE 2019, 18:54, IN TERRIS

SERIE A

Milan, Ibrahimovic è tornato

L'attaccante svedese, a 38 anni, veste nuovamente la maglia rossonera. Forse la sfida più difficile della sua carriera

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Milan
Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Milan
A

desso è ufficiale. Il tira e molla sul futuro di Zlatan Ibrahimovic finisce come era iniziato, ovvero con il Milan protagonista. L'attaccante svedese lascia gli Stati Uniti per far ritorno a Milano, in una squadra che non vince lo scudetto da nove anni e che non ha convinto praticamente più dopo il suo addio. A risollevarne le sorti, alla bella età di 38 anni, ci proverà proprio il campione che più di tutti ha lasciato il segno nella storia recente di Milanello, l'unico davvero in grado di raccogliere l'eredità dei grandissimi campioni del passato. Basti pensare che, alla fine del biennio di Ibra, dai rossoneri se ne andarono gente come Inzaghi, Gattuso, Zambrotta, Nesta e Seedorf, tutti artefici dell'ultimo grande Milan. Di quei giocatori lì, oggi come oggi, a Milano - sponda rossonera - non ce n'è nemmeno l'ombra. Per questo la dirigenza ha deciso di affidare a Ibrahimovic il ruolo di trascinatore, con il compito di far da chioccia ai nuovi colpi in attacco (Leao su tutti ma anche Piatek) e riaggregare attorno a un uomo-simbolo il residuo di orgoglio rimasto ai rossoneri dopo il tracollo dell'ultimo turno di campionato contro l'Atalanta.


La nuova sfida

Se ne andò con la voglia di restare Ibra, lo ha ammesso lui stesso, prima di fare le fortune del Paris-Saint Germain, lasciando in eredità a Parigi qualcosa come 156 gol in 180 partite, addirittura 113 nella sola Ligue 1. Poi l'esperienza prolifica ma non troppo entusiasmante al Manchester United e il biennio ai Galaxy di Los Angeles, condito da tanti gol ma anche da atteggiamenti da star che non hanno incontrato il gradimento di un pubblico comunque abituato ai campioni (dagli inglesi Gerrard, Beckham e Lampard fino a Pirlo ed Henry). Anche lì, in quel di Los Angeles, valanghe di reti per l'ex Malmo, Ajax, Juventus, Inter, Barça, Psg e United, in rigoroso ordine di appartenenza. Mancherebbe il Milan ma quello, a quanto pare, è un capitolo ancora aperto. Da capire se i due anni Oltreoceano siano stati da stimolo per il fuoriclasse svedese che, dopo sette anni, tornerà a fare i conti con un campionato italiano piuttosto diverso da quello che aveva lasciato. Niente che possa spaventare uno come Ibra comunque.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...
Il cantiere navale di Taranto
TARANTO

Tangenti per appalti della Marina Militare: 12 arresti

Il totale degli importi relativi alle gare veniva equamente diviso fra gli indagati
Rifugiati siriani in un punto di raccolta degli approvvigionamenti - Foto © The New York Times
EMERGENZA UMANITARIA

In Siria i profughi stanno vivendo la fine del mondo

Da dicembre in 900mila hanno lasciato le case per i bombardamenti. Procedono i negoziati
SOLIDARIETÀ

Pet therapy per l'oncologia pediatrica

Sulla Collina degli Elfi, in provincia di Cuneo, gli animali regalano un sorriso ai bambini malati di tumore. Ora una raccolta...
Il luogo della deflagrazione
CATANIA

Bomba davanti a un distributore, morto il ladro

Il giovane, non identificato, era assieme a un complice che è fuggito
EMERGENZA RAZZISMO

"La strage xenofoba di Hanau nasce dall'ignoranza della storia e dall'odio"

Intervista a Interris.it del vescovo Enrico dal Covolo, Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche
Il luogo della strage
GERMANIA

Strage di Hanau: 11 morti. Il cordoglio della Merkel

Il killer è un estremista di destra, Tobias R: "Alcuni popoli vanno annientati". Uccisa anche la madre
La disinfezione delle strade
CORONAVIRUS

Cina: "Gli sforzi per il controllo dell'epidemia stanno funzionando"

Morti due passeggeri della Diamond Princess. Scoperta "l'untrice" della Corea del Sud
Prostituzione minorile
AUDIZIONE

Roma: 31 procedimenti per prostituzione minorile

La pm Monteleone: "In aumeno i reati di pedopornografia e molestie sessuali"
Sandra Sabatini
RIMINI

Il 14 giugno la beatificazione di Sandra Sabattini

Alla Fiera di Rimini per ospitare tutti i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII