SABATO 12 GENNAIO 2019, 16:46, IN TERRIS


COPPA ITALIA

Lazio-Novara, cori razzisti e antisemiti dalla Nord

Canti discriminatori da una frangia della Curva biancoceleste, nel mirino anche le Forze dell'ordine

REDAZIONE
La Curva nord
La Curva nord
D

opo la sosta è di nuovo tempo di calcio ma, purtroppo, tutto sembra ripartito da dove era stato lasciato: cori a sfondo razzista e nuova ondata polemica in arrivo sul perché queste cose accadano ancora. Il teatro, stavolta, è lo Stadio Olimpico di Roma, dove la Lazio ha sfidato il Novara per la gara degli ottavi di finale di Coppa Italia. Non più di 13 mila persone sugli spalti, praticamente vuoto lo Stadio: ed è stato da una frangia ancor più ristretta di ultrà che, dalla Curva Nord, sono piovuti cori che, in alcuni casi, erano a sfondo antisemita, inidirizzati ai rivali della Roma ("giallorosso ebreo" uno di quelli uditi attorno alla mezz'ora) e facilmente distinguibili nel deserto delle gradinate. Cori di insulti si sono levati anche nei confronti delle Forze dell'ordine, trasformando un pomeriggio di calcio nell'ennesimo episodio del quale si dovrà discutere.


Settimana tesa

I fatti dell'Olimpico hanno fatto seguito agli episodi di San Siro, ricalcando in buona parte quanto accaduto sia dentro che fuori dal campo, visto che solo pochi giorni fa, a Piazza della Libertà (dove peraltro è affissa una targa che ricorda la fondazione della società biancoceleste nel 1900), erano andati in scena alcuni scontri tra gli ultras della Lazio e le Forze dell'ordine, proprio in occasione della festa per il 119esimo compleanno del club. Più o meno nelle stesse ore, erano stati diffusi una serie di volantini a sfondo antisemita indirizzati a Lazio e Napoli, attribuiti a un sedicente gruppo di ultrà romanisti. Un nuovo episodio dunque, che riapre immediatamente la questione dei cori offensivi all'interno degli stadi italiani, a solo qualche settimana da quanto accaduto in occasione di Inter-Napoli, gettando nuove ombre che, certamente, non fanno il bene del calcio italiano.


Il match

Per la cronaca, il match dell'Olimpico si è concluso con il risultato di 4-1 in favore dei biancocelesti: reti di Immobile (doppietta), Milinkovic-Savic e Luis Alberto per la Lazio, di Esupei (dal dischetto) per i piemontesi. Un match che, peraltro, si è aperto con il ricordo di due grandi ex comuni, il bomber Silvio Piola (capocannoniere di tutti i tempi per entrambe le società, nonché il più prolifico della massima serie) e il portiere Felice Pulici, scomparso recentemente. Una celebrazione macchiata da quanto accaduto poi sugli spalti.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BOLOGNA

Smantellato cartello di agenzie funebri, 30 arresti

I militari stanno procedendo anche ad un sequestro preventivo di beni per circa 13 milioni di euro
L'esplosione
FRANCIA

Esplosione in un'università di Lione

La deflagrazione avrebbe coinvolto la biblioteca scientifica dell'ateneo
Intervento del card. Bassetti in Sala Zuccari del Senato
SENATO

Andreotti: "Ho combattuto la mafia con atti pubblici"

Presentato ieri il libro "I miei santi in paradiso". Card. Bassetti: "Si battè per collocare l'Italia...
Caporalato
LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata
Il germoglio di cotone coltivato sulla Luna dai cinesi

Il cotone sulla Luna

Nata una piantina di cotone sulla Luna, in una serra appositamente allestita da cinesi, in conseguenza di un programma...
Mark Zuckerberg
LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate