La Roma stecca a Marassi, l'Atalanta ride e scappa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

Un pari che fa comodo al Genoa nella corsa salvezza, non certo alla Roma che aveva il dovere di rispondere all'Atalanta vittoriosa all'Olimpico e che stasera si ritrova con altri due punti in meno nella corsa Champions. El Shaarawy a otto dalla fine illude la Roma, al novantesimo Romero incendia Marassi e fa sprofondare la Roma che, in pieno recupero, ringrazia Mirante che neutralizza il rigore di Sanabria. E finisce 1-1.

Genoa meglio in avvio

Prandelli schiera il Genoa con il suo 4-3-1-2, conferma Lapadula al centro della prima linea rossoblù con accanto Bessa, Kouamè e Lerager. Nella Roma (4-2-3-1) Ranieri ritrova Cristante e Zaniolo, il primo in mediana accanto a Nzonzi, il secondo esterno a sinistra con El Shaarawy dalla parte opposta, Pellegrini qualche metro piùà avanti alle spalle di Dzeko. Ed è subito Genoa. Parte forte la formazione di Prandelli che probabilmente gioca il miglior primo tempo della sua stagione. Pressing alto a togliere fiato e iniziativa ai giallorossi. I quattro davanti genoani mettono costantemente in apprensione la retroguardia giallorossa. Ci prova il Grifone, con Veloso e Lapadula, ma la prima vera palla della partita capita alla Roma con Fazio che di testa costringe Radu ad un miracoloso salvataggio. Meglio il Genoa però in fase di costruzione che però manca nella parte finale dell'azione, così che le giocate di Lapadula e Kouame non sortiscono effetti.

Si alzano i giri

Il Genoa fa la partita, ma la Roma non molla di un centimetro, attenta e pronta alle ripartenze. Tanta intensità in mezzo al campo, sbaglia qualcosa Manolas nelle chiusure e per poco non ne approfitta Lapadula che di testa manda a lato di poco. Come detto, la Roma è lì e per due volte di fila nel giro di sessanta secondi, Pellegrini ha la doppia opportunità per battere a rete che Dzeko manda in porta con un assist al bacio, ma il centrocampista giallorosso solo davanti a Radu manda fuori, ma che errore. Finale di tempo genoano, ma senza effetti colorati di rosa. Bella partita a Marassi, il miglior Genoa della stagione e una Roma non propriamente brillante, a volte rattrappita e incapace di uscire fuori dal pressing alto dei genoani, ma brava a sfruttare l'arma delle ripartenze, anche in casa giallorossa, malamente sfruttate.

Finale pazzo

Stesso copione ad inizio ripresa, partita apertissima. Genoa con cuore e cattiveria agonistica, Roma che non trova sbocchi. Zaniolo non incide e lo stesso Pellegrini non regala spunti di rilievo. Così Ranieri lo richiama in panchina, dentro l'ex doriano Schick. Nzonzi in mezzo è un muro invalicabile, manca lo sprint là davanti. Partita bloccata, serve la giocata, il guizzo giusto. Ci prova Dzeko di testa, non va. Ranieri spedisce nella mischia Kluivert al posto di Zaniolo, confidando nell'esuberanza nell'uno contro uno dell'olandese.   Cambio anche per Prandelli, fuori Lapadula, dentro Pandev quando alla fine ne mancano poco più di quindici e la partita non decolla. La Roma alza il baricentro, spinge per chiuderla perché il pari non basta. Serve un guizzo per risolvere una partita bloccata. Eccolo. Minuto 82: cross dalla destra, sponda di Dzeko, sinistro al volo di El Shaarawy che la mette dentro: 1-0 Roma con ancora pochi spiccioli da giocare. Genoa che ventre a terra prova a riprendersi il punto, Roma che si difende con ordine. Karsdorp per Florenzi a due dalla fine. Scocca il novantesimo. Finita? Manco per idea, perché da azione d'angolo, Mirante non è perfetto nell'uscita e Romero di testa fa esplodere Marassi: 1-1. Ma non è ancora finita perché in pieno recupero il Genoa ha l'occasione d'oro di prendersi i tre punti: Mirante stende Sanabria ed è rigore. Dal dischetto va lo stesso Sanabria che si fa ipnotizzare da Mirante. E finisce 1-1, pari che fa comodo al Genoa, decisamente meno alla Roma che perde altri due punti nella corsa Champions.

Dal Luigi Ferraris di Genova

Gli altri match

Domenica di campionato che regala una sola sentenza: quella del Frosinone in Serie B, condannato da un pareggio in extremis strappato dal Sassuolo al Mapei Stadium dopo il doppio vantaggio ciociaro. Irraggiungibile, ormai, l'Udinese al quart'ultimo posto e, quindi, retrocessione immediata per la squadra laziale che nemmeno stavolta riesce nell'impresa di centrare la salvezza. Discorso aperto, invece, per l'Empoli di Andreazzoli che affonda la Fiorentina con una rete di Farias e prova ancora a sperare in una clamorosa permanenza in A. Partita fra squadre quasi a secco di motivazioni quella del Tardini fra Parma e Sampdoria, forse per questo conclusa con un pirotecnico 3-3: matematicamente gli emiliani devono ancora salvarsi, mentre la Samp deve tenere il passo Europa League. Ne viene fuori una partita da matti, con due espulsioni e gol a raffica: apre Gazzola per i ducali, poi Quagliarella (doppietta) e Defrel sembrano mettere in banca un risultato che, invece, viene fissato sul pari da Kucka e Bastoni. Chi ride davvero è la stellare Atalanta di Gasperini che, all'Olimpico, fa quasi fuori la Lazio dalla corsa Champions e si mette fissa al quarto posto, approfittando anche del passo falso della Roma: coi biancocelsti vincono 3-1, si portano a -1 dall'Inter e mettono l'ennesimo mattone per costruire l'impresa. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.