LUNEDÌ 11 MARZO 2019, 23:28, IN TERRIS


SERIE A

La Roma batte un colpo, Empoli piegato: 2-1

Buona la prima dopo 8 anni per Ranieri che, senza sei titolari, centra i tre punti con El Shaarawy e Schick

MASSIMO CICCOGNANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Roma-Empoli 2-1. El Shaarawy festeggiato dai compagni di squadra - Foto © Twitter
Roma-Empoli 2-1. El Shaarawy festeggiato dai compagni di squadra - Foto © Twitter
S

otto il diluvio, la Roma. Per carità, niente di straordinario, batte l'Empoli che non è il City di Guardiola ma lo fa in una serata tra le più difficili. Senza sei titolari, con una panchina folta di ragazzini. La decidono i gol di El Shaarawy e Schick, in mezzo il pari con un'autorete di Jesus. Tanta sofferenza contro un'Empoli mai domo, ma tre punti d'oro.


Tutto in un tempo

E' la prima per Claudio Ranieri, otto anni dopo. Ed è anche una nuova Roma complice le tante assenze (Manolas, Fazio, Kolarov, De Rossi, Pellegrini, Dzeko), con il tecnico di Testaccio che propone un 4-2-3-1 molto elastico. Davanti a Olsen, Florenzi e Santon esterni, in mezzo Jesus e Marcano. Cristante e Nzonzi fanno da cerniera davanti la difesa, tridente alle spalle del recuperato Schick con Zaniolo trequartista, Kluivert a destra, El Shaarawy a sinistra. Tre-cinque-due per Iachini che presenta un Empoli molto abbottonato con Caputo e Farias a provare a far male alla retroguardia giallorossa. Ranieri non ha di certo la bacchetta magica e in appena tre giorni non poteva cambiare il volto della Roma. Che parte con la paura addosso, quella di sbagliare. Primo tempo non bello, ma almeno giudizioso. Avvio al cloroformio, poi due lampi in un cielo uggioso e carico di pioggia. La perla la regala El Shaarawy che da sinistra converge, poi lascia partire un destro a giro sul quale può nulla Dragowski. L'euforia del vantaggio dura un nulla, il tempo di permettere a Jesus di beffare Olsen con un colpo di testa degno di un attaccante: 1-1 e tutto da rifare dopo appena undici minuti.


Il Var evita il pari

Partita sonnacchiosa ma la Roma ci mette volontà. Schick è motivato, Zaniolo come sempre bravo nel proporsi a ridosso dell'area avversaria. Si accendono a corrente alternata Kluivert ed El Shaarawy. In mezzo Nzonzi merita qualche applauso per due palle recuperate. E dietro squadra più accorta con Ranieri che tiene a bada i suoi, richiama Florenzi quando sale Santon, insomma una fase difensiva con più attenzione. Il vantaggio romanista è uno stacco imperioso e rabbioso di Schick che anticipa il suo angelo custode sulla punizione al bacio di Florenzi e Roma di nuovo avanti. Ripresa con l'Empoli che parte voglioso, Roma attenta anche se a tratti torna a farla padrona la paura. Perotti rileva Zaniolo, Krunic svirgola e si divora il 2-2. La Roma vuole chiuderla per evitare rischi, l'Empoli che prova a far male. C'è equilibrio. Prova a spezzarlo El Shaarawy, palla che fa la barba al montante. Che sfiora dalla parte opposta Dell'Orco con un colpo di testa che finisce di poco a lato. Brividi mentre la Sud prova a soffiare alle spalle dei giallorossi in una fase di difficoltà. L'Empoli pressa alto, la Roma fatica ma non si scompone cercando di far ripartire l'azione da dietro. Maresca manda fuori Florenzi (doppio giallo) e Ranieri si copre, inserendo Karsdorp al posto di Kluivert negli ultimi dieci minuti. Finale all'arma bianca, con l'Empoli che, forte del vantaggio numerico, intende provarci fino alla fine, Roma chiamata al sussulto d'orgoglio. Fuori anche lo stanchissimon Schick, dentro Celar. La Roma si difende coi denti e con rabbia. Krunic firma il  2-2 al termine di un'azione confusa in area con Oberlin che però tocca col braccio sul rinvio di Jesus. Maresca deve fare ricorso al Var e annulla proprio allo scadere dein regolamentari. Sei di recupero. Canta la Sud, come ha chiesto Ranieri, adesso serve come non mai perché l'Empoli si riversa tutto nella metà campo romanista. La Roma soffre ma non perde la testa e porta a casa i tre punti. Sudati, in una notte difficile, lunghissima, con tenacia. Per la prima di Ranieri basta e avanza e tiene Roma incollata alla zona Champions.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"