SABATO 02 MARZO 2019, 22:35, IN TERRIS


SERIE A

La Lazio straripa e fa tris: il derby è biancoceleste

Roma demolita 3-0: Caicedo, Immobile (rigore) e Cataldi. Inzaghi a -3 dai giallorossi che falliscono l'aggancio al 4° posto

MASSIMO CICCOGNANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Lazio-Roma 3-0. Zaniolo circondato da giocatori biancocelesti - Photo © Twitter
Lazio-Roma 3-0. Zaniolo circondato da giocatori biancocelesti - Photo © Twitter
I

l derby è biancoceleste. Nettamente. Finisce 3-0, quasi una passeggiata di salute per gli uomini di Inzaghi, padroni assoluti del campo, davanti a una Roma che è rimasta negli spogliatoi. Come la voglia di vincere un derby che pure significava parecchio. La voglia che invece ha messo la Lazio che ha giocato la sfida con la giusta tempra. Una marcia in più. La Lazio correva, la Roma passeggiava senza idee per il prato dell'Olimpico. Alla fine è stato 3-0: apre Caicedo nel primo tempo, raddoppia Immobile su rigore e la chiude nel finale Cataldi. Vittoria meritata, perché cercata e voluta da una Lazio compatta, brillante, che ha giocato a calcio e messo in cassa tre punti che la riavvicinano a meno tre dalla Roma ma con una partita, quella con l'Udinese, da recuperare. Male la Roma che avrebbe potuto agganciare l'Inter e portarsi a meno uno dal Milan. Ma un'altra Roma, non quella vista stasera all'Olimpico. 


Caicedo la sblocca

Nella Lazio out Parolo e Immobile che vanno in panchina, nella Roma non c'è Manolas colpito da influenza intestinale, al suo posto Juan Jesus. Lazio con il 3-5-2, con Strakosha tra i pali, Bastos, Acerbi e Radu sulla linea di difesa. In mezzo Marusic, Milinkovic, Lucas Leiva, Luis Alberto e Lulic, con Correa e Caicedo in prima linea. Di Francesco risponde con il 4-3-3: Florenzi e l'ex Kolarov sugli esterni, Juan Jesus e Fazio centrali davanti a Olsen. In mezzo De Rossi, Cristante a fare da cerniera davanti alla difesa e Pellegrini, Zaniolo ed El Shaarawy alle spalle di Dzeko. La prima frazione è un monologo biancoceleste. Squadra meglio messa in campo, quella di Inzaghi, aggressiva, sempre prima soprattutto sulle seconde palle. La Lazio la domina in mezzo, la Roma soffre, non trova spazi, l'azione non parte mai da dietro complice il pressing biancoceleste e Olsen è costretto a lanci lunghi che trovano sempre più reattivi gli uomini di Inzaghi. La Roma non esce, non trova linee di passaggio, in mezzo Cristante e Pellegrini soffrono gli anticipi biancocelesti. Leiva, Luis Alberto e Milinkovic tengono in mano il boccino. La Lazio crea e sfonda per vie centrali. Fa tutto, e bene, Correa, che trova il corridoio giusto per Caicedo che uccella Jesus, supera Olsen in disperata uscita e firma il vantaggio sotto la Sud giallorossa. La Roma è colpita al cuore.


Lazio in controllo

L'Olimpico si ferma al minuto 13 per il tributo a Davide Astori e quando si riprende, dopo sessanta secondi di applausi, è sempre Lazio. I biancocelesti dominano ma non graffiano una Roma che dietro balla. Ci provano De Rossi, Florenzi e Zaniolo ad inventare, ma poca cosa. Ci prova Dzeko, bravo a liberarsi al limite, Strakosha c'è. La Roma prova a guadagnare campo, ci riesce a tratti nel momento in cui la Lazio prende fiato, ma senza sfondare. Tiri in porta zero, con la Lazio che continua a fare gioco. Marusic e Lulic affondano, dietro la Roma regala poche certezze, ma i biancocelesti non vanno mai al tiro pur esercitando un predominio netto. Uno a zero all'intervallo. Meglio, molto meglio la Lazio che tiene il campo con disinvoltura. Deve cambiare registro la Roma, così non va. La Roma prova ad avanzare il baricentro, velleitarie però le conclusioni di Zaniolo e Pellegrini. In mezzo sempre meglio la Lazio. Si danna Florenzi, un'anima in pena El Shaarawy, troppo lezioso Dzeko. La Roma non costruisce, sempre palla lunga, facile per la Lazio, attenta, con una marcia in più in ripartenza. Zaniolo ha l'argento vivo addosso, ma non basta. Il baby ce la mette tutta, fa breccia nella retroguardia laziale, ma si perde sulla conclusione ed è costretto ad uscire per un problema all'inguine. Dentro Perotti. Cambia anche Inzaghi, dentro Immobile, fuori l'autore del gol, Caicedo. Ovazione per lui. Di Francesco pensa anche a Pastore che va a rilevare De Rossi.


Bis e tris Lazio

Ci prova Florenzi a scuotere i giallorossi dal torpore, superparata di Strakosha, angolo. Venti alla fine e adesso la Roma spinge. Giallorossi adesso con il 4-2-3-1 classico. Proprio Pastore la manda fuori di un nulla, poi Correa sfugge a Fazio e va giù. Mazzoleni indica il dischetto, confermato anche dal Var. Dagli undici metri Immobile, Olsen intuisce ma palla in rete, esplode l'Olimpico: 2-0 Lazio. Quindici alla fine, Lazio padrona del campo, Roma impalpabile. Spazio per Cataldi che rileva Correa. A dieci dalla fine si rivede anche Schick che prende il posto di un evanescente (ma non solo lui) El Shaarawy. Solo Lazio e ad una manciata di secondi dalla fine, arriva anche il terzo gol con Cataldi. E in pieno recupero anche il rosso a Kolarov per un'entrata frustrante su Immobile. Vince la Lazio che sale a quota 41 a meno tre dai giallorossi e virtualmente quinti in caso di successo nel recupero interno con l'Udinese. Occasione persa dalla Roma che vede il Milan allungare a +4 e l'Inter, ora quarta, a +2. Mercoledì a Oporto, questa Roma non può bastare.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"