SABATO 21 SETTEMBRE 2019, 23:50, IN TERRIS

SERIE A

L'Inter si prende il derby: Brozo-Lukaku stendono il Milan

Due reti nella ripresa permettono a Conte di restare in vetta. I rossoneri durano solo un tempo

MASSIMO CICCOGNANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Milan-Inter 0-2. Lukaku esulta dopo la rete del raddoppio
Milan-Inter 0-2. Lukaku esulta dopo la rete del raddoppio
L'

Inter non si ferma, fa suo il derby e continua a volare a punteggio pieno in testa alla classifica dopo quattro giornate. I nerazzurri fanno la partita, giocano decisamente meglio dei rossoneri, sfiancano l'avversario nel primo tempo, lo lavorano ai fianchi e lo colpiscono a morte nella ripresa. A San Siro finisce 2-0 per effetto dei gol di Brozovic e Lukaku. E anche stasera Conte guarda tutti dall'alto a punteggio pieno. Emozioni, spettacolo a San Siro. Conte e Giampaolo non scherzano e per loro è il derby nel derby. Entrambi agitati in panchina, con il rossonero quasi sempre fuori dall'area tecnica a impartire ordini ai suoi e a seguirli passo passo nello sviluppo dell'azione. Conte si affida al solito 3-5-2 con Handanovic tra i pali, Godin, De Vrij, Skriniar dietro, D'Ambrosio a destra, Asamoah a sinistra, in mezzo Barella, preferito a Vecino, Brozovic e Sensi centrali, Lukaku e Lautaro, preferito a Politano, in prima linea. Nel Milan la grande sorpresa si chiama Leao accanto a Piatek: 4-3-1-2 per Giampaolo, con Donnarumma tra i pali, Conti, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez sulla linea di difesa, Kessie, Biglia e Calhanoglu intermedi, Suso trequartista alle spalle delle due punte.


Equilibrio

Emozioni e spettacolo, perché Milan e Inter non se le mandano a dire. Leao è ispirato e prova con percussioni velocissime a mandare in affanno la retroguardia nerazzurra: D'Ambrosio c'è, Asamoah dalla parte opposta è un fulmine di guerra. Parte meglio la formazione di Conte, pressing alto, Milan che attende pronto a ripartire con Donnarumma subito chiamato in causa. Equilibrio totale in campo, nessuno si risparmia ma le occasioni latitano. Meglio le difese sui rispettivi attacchi. Partita a tratti bloccata senza vie di fuga, serve un guizzo. Lo prova Lautaro, ben servito da Sensi, Donnarumma si immola, palla sui piedi di D'Ambrosio che calcia a botta sicura, ma il palo salva il Milan. Senza soluzione di continuità, strappi da una parte e dall'altra, Calhanoglu va in gol ma Doveri non convalida per un precedente mani di Kessie. Ci prova l'Inter, bravo D'Ambrosio in rovesciata, Donnarumma si esalta, il terzino è lì e la mette dentro: 1-0 Inter anzi, no, perché Doveri fa ricorso al Var che conferma la posizione di offside. Tutto da rifare. Suso è ispirato, sembra un tarantolato: ruba palla a un distratto Sensi, si fa sessanta metri palla al piede, vince un rimpallo e colpisce a botta sicura. Salva tutto alla disperata Asamoah. Ancora Milan al tramonto della prima frazione. Grande spinta di Leao a sinistra, palla in mezzo per la testa di Piatek che però sbaglia l'impatto. Si salva l'Inter. Finisce qui il primo tempo, estremamente equilibrato. Meglio la qualità dell'Inter, Donnarumma straordinario. Godin è di altra scuola, in mezzo i tre tenori nerazzurri si fanno preferire per dinamismo. Il Milan si è affidato per lo più alle giocate dei singoli, due spunti interessanti, ma senza produrre effetti. 


Uno-due micidiale

Subito Inter in avvio, Milan che si fa schiacciare. Il vantaggio nasce da palla inattiva, Sensi la mette in mezzo, su tutti sbuca Brozovic che la mette dentro. Dovere tentenna, aspetta il Var, va a rivedere l'azione mentre Conte protesta. Alla fine convalida, Inter avanti. La Nord soffia alle spalle dei nerazzurri, Milan frastornato, incapace di uscire. Nerazzurri tonici a caccia del raddoppio con Donnarumma ancora una volta bravo a salvare su Lautaro. Fuori Calhanoglu, dentro Paquetà nel Milan. Inter a fare la partita col Milan che prova a scuotersi, ma l'Inter entra come una lama nella burrosa retroguardia rossonera. Barella e Sensi recuperano palloni in quantità industriali, il Milan fatica, prova a spingere ma non ci sono varchi. Conte richiama Sensi per inserire Vecino, mentre Giampaolo richiama Calhanoglu, dentro Theo Hernandez con Vecino che va prendere Paquetà. La Sud capisce il disagio rossonero e con la voce prova a spingere il Milan. Dentro Politano, fuori Lautaro che ha speso molto. L'Inter è in totale controllo della gara, Barella ha un guizzo fantastico, ma il tocco sotto misura di Lukaku è da campione puro: 2-0 Inter, nulla da fare per Donnarumma. Dentro Candreva, fuori Barella, mentre Giampaolo richiama Leao, dentro Rebic. Inerzia della partita tutta nei piedi dei nerazzurri quando i minuti scorrono implacabili. Cinque di recupero, l'Inter controlla, il Milan spinge con la forza della disperazione. Non basta e non serve perché è l'Inter ad andare vicina al terzo gol con Candreva che centra il palo. Vince l'Inter, meritatamete.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Lazio-Inter 2-1. L'esultanza dei biancocelesti
SERIE A

Lazio da scudetto, l'Inter cede il passo: 2-1

Immobile (rigore) e Milinkovic ribaltano il vantaggio di Young: biancocelesti a - 1 dalla vetta
Hotchner ed Hemingway
LUTTO NEL MONDO DELLA LETTERATURA

Addio al leggendario amico-biografo di Hemingway

E' morto il centenario scrittore e filantropo A. E. Hotchner. Fino all'ultimo ha scritto a mano i suoi romanzi malgrado...
Giuseppe Conte
POLITICA

Conte ai renziani: "Non cerchiamo nuove maggioranze"

Palazzo Chigi smentisce il rimpiazzo di Italia Viva: "Il premier pensa solo all'Agenda 2023". Ma i dem incalzano
Il Papa all'Angelus
ANGELUS

Il Papa: "Chi non ama il prossimo uccide sé stesso"

Il Santo Padre ricorda che "chi fa la guerra cede alle tentazioni e alle passioni: non è protagonista della propria...
Il treno deragliato a Ospedaletto
LODI

Treno deragliato, via alla rimozione dei Frecciarossa

Iniziate le operazioni sulla tratta di Ospedaletto Lodigiano. L'incidente è costato la vita ai due macchinisti
Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Coronavirus, un volo per gli italiani della Diamond

Di Maio annuncia un'operazione di rimpatrio per i 35 connazionali a bordo della nave in quarantena in Giappone
Atalanta-Roma 2-1. Palomino e Castagne contrastano Edin Dzeko - Foto © Twitter
SERIE A

La Roma è sparita, l'Atalanta blinda la Champions

Grande vittoria per la Dea con Palomino e Pasalic che rimontano la rete di Dzeko: 2-1 e +6 sui giallorossi, al terzo k.o. di...
Padre Spadaro, il card. Tagle e la presidente Enoc al Bambin Gesù
LA CONFERENZA

La speranza negli occhi dei piccoli

Al Bambino Gesù presentato il libro di Papa Franceso "I bambini sono speranza". Card. Tagle: "Aria fresca...

La guerra dei buoni pasto

Quella dei buoni pasto è una delle tante guerre dimenticate in atto nel nostro Paese. Anche se la tecnologia...

La preghiera è nulla senza il perdono

La pienezza della legge è l'amore. Gesù non è venuto ad abolire i comandamenti, ma a dare...
A sinistra: Elena Tomei
L'INTERVISTA

Asperger, Elena: a chi mi considera anormale dico "me ne frego"

Per la Giornata mondiale della Sindrome di Asperger, l'intervista di Interris.it a Elena Tomei: "Per me mai un...
La droga scoperta nel portabagagli
ROMA | GRANDE RACCORDO ANULARE

Nascondeva la droga in auto: sequestrati 56 kg di hashish

Scoperti nel portabagagli due doppifondi con 2,5 kg di marijuana. Romano nei guai
Test per il coronavirus
EPIDEMIA

Niccolò negativo al test del Coronavirus

Un morto in Francia, è il primo caso fuori dall'Asia. Primo caso di contagio in Egitto
Un iceclimber sulla cascata di ghiaccio Carpe Diem
VAL VISDENDE | BELLUNO

Precipita da una cascata di ghiaccio

Morto un iceclimber austriaco di 56 anni, salva la compagna
La manifestazione 5 Stelle a Roma
ROMA

I 5 Stelle in piazza contro i vitalizi

Di Maio: "Difenderemo Bonafede e sua riforma". Gli organizzatori: "Siamo 10mila persone"
Aurora Grazini
MONTEFIASCONE | VITERBO

Dimessa dopo controlli in ospedale, muore a 17 anni

Nella giornata di venerdì era andata al pronto soccorso per problemi respiratori