GIOVEDÌ 20 GIUGNO 2019, 12:54, IN TERRIS


SERIE A

Juve, è il giorno di Sarri: "Corono una carriera"

L'ex tecnico di Napoli e Chelsea si presenta: "Champions? Un sogno da inseguire. Napoli? Ho rispettato tutti"

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Maurizio Sarri
Maurizio Sarri
S

i è presentato in giacca e cravatta Maurizio Sarri, cogliendo un po' tutti di sorpresa e dando in parte la misura di quella che sarà la sua avventura sulla panchina della Juventus. L'ex tecnico del Chelsea, fresco vincitore dell'Europa League, torna in Italia dopo appena una stagione in Inghilterra, accettando la sfida forse più difficile: sostituire Massimiliano Allegri, con l'obiettivo obbligatorio di fare meglio di lui. Il che, naturalmente, significa puntare in alto, molto in alto, anche se l'ex allenatore del Napoli vola basso: "Mi aspetto di alzarmi la mattina e studiare il modo di vincere le partite. Non è dovuto. Se il risultato diventa dovuto, è una sconfitta certa. E' chiaro che la Juve ha l'obbligo di fare bene, è la favorita. In Champions la Juve ha l'obbligo di partire con l'obiettivo di vincere, ma in Europa ci sono 8-9 squadre che possono vincere. Le responsabilità sono più forti a livello italiano che europeo. La Champions è un obiettivo, un sogno da perseguire con determinazione feroce e con un coefficiente di difficoltà mostruoso".


La Premier

Chiaro che, al netto della giusta prudenza, dal vincitore dell'Europa League ci si aspetta il salto di qualità, visto anche l'arricchimento portato dall'esperienza comunque positiva in Inghilterra: "La Premier è stata un'esperienza bellissima, ma poi ho sentito il bisogno di tornare in Italia e l'opportunità me l'ha offerta il club più importante d'Italia. E' il coronamento di una carriera lunghissima che nell'80% è stata anche difficilissima. Penso di aver rispettato tutti e nell'ultima parte dovevo rispettare anche il mio percorso". A proposito di Premier, Sarri precisa subito che una certa differenza tra quel sistema calcio e il nostro esiste ancora: "Parlavamo prima con il presidente a livello di strutture e organizzazione e penso che il nostro sarà un percorso un po' lungo. Le strutture devono essere la partenza, poi cambiare l'atmosfera dentro gli stadi, in Inghilterra ti giri e la panchina è circondata da bambini. Il clima è diverso. Ci vorrà un percorso, si deve partire dalle strutture, ma penso che in campo e a livello tattico abbiamo un po' di vantaggio".


Trascorsi e futuro

Inevitabile toccare il tema del gioco: "Qui fatica a decollare rispetto a loro perché lì il risultato è un po' meno importante e rischiano di più. Io sono contento per il fermento che vedo in A perché c'è un bel movimento di allenatori". Tutte sfide che afronterà sulla panchina juventina, memore sempre del suo passato napoletano: "Io penso che ho vissuto tre anni in cui mi svegliavo alla mattina e il mio primo pensiero era quello di battere la Juve. In quel periodo eravamo l'alternativa più credibile alla Juve. Ho dato il mio 110% e non ci siamo riusciti. Ci riproverei e lo rifarei. Era un'avversità sportiva. Ma è finita. La mia professionalità mi porterà a dare tutto per questa società. Quello che ho fatto, posso averlo fatto anche con mezzi e modi sbagliati, ma è qualcosa di intellettualmente apprezzabile". E sui trascorsi: "La questione del dito medio è un errore da parte mia, una reazione esagerata da parte mia, ma penso che fu spiegata da parte mia anche nel post partita. Io andai in sala stampa e dissi che avevo fatto un brutto gesto, un eccesso di reazione nei confronti di 15-20 stupidi, non nei confronti della Juventus".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La parrocchia di don Jacques Hamel
ANNIVERSARIO

Saint-Étienne ricorda Padre Jacques Hamel

Il calendario delle iniziative per commemorare il sacerdote ucciso dai terroristi
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti