LUNEDÌ 02 SETTEMBRE 2019, 15:42, IN TERRIS

ARTI MARZIALI

Judoka iraniano fugge in Germania: "Ho paura di tornare"

L'atleta si era rifiutato di perdere per non affrontare un avversario israeliano. Minacciata anche la famiglia

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Saeid Mollaei (foto Internation judo federation)
Saeid Mollaei (foto Internation judo federation)
Q

uando politica e sport s'incontrano spesso non portano a niente di buono. Il risultato può essere una vita rovinata. Un campione, non per numero di medaglia ma per fibra morale, si piega non si spezza. Continua la gara finché non avrà vinto o cadrà a terra esausto. Come Saeid Mollaei, che ha dovuto affrontare un rivale ben più temibile di un lottatore sul tatami. Il suo nemico è il suo paese, l'Iran, che lo ha minacciato più volte se non fosse ritirato dai Mondiali di judo in Giappone. Il detentore del titolo del 2018 avrebbe potuto incontrare un atleta israeliano in lizza per il torneo, ma una legge iraniana non scritta vieta ai suoi sportivi di gareggiare contro quelli di Israele. Mollaei non ha ceduto alle pressioni ed ha vinto un combattimento dopo l'altro, uscendo sconfitto in semifinale anche per colpa della tensione e della paura per la sua vita e quella della sua famiglia. Poi, con l'aiuto della Federazione internazionale di judo è fuggito in Germania. 


La prima minaccia

Il dramma per il campione del mondo nella categoria 81 chilogrammi in carica inizia alle15:30 (ora giapponese) di sabato 28 agosto a Tokyo, quando sta per salire sul tatami per affrontare la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, il russo Khasan Khalmurzhaev. Lo racconta la un lungo articolo sul sito dell'Ijf, ripreso anche dalla televisione inglese Bbc. Pochi minuti prima dell'incontro il suo allenatore riceve una telefonata dal viceministro dello Sport iraniano Davar Zani, che vuole che Mollaei perda il match per non correre il rischio di doversi trovare contro l'israeliano Sagi Muki. Accompagna inoltre la richiesta con una minaccia rivolta all'atleta e una alla sua famiglia. Quando il judoka viene lo viene a sapere, prima di iniziare lo scontro, scoppia in lacrime e, atterrito, non sa cosa fare. Nella sua disperazione, viene aiutato dallo staff della federazione che lo fa ricevere dal presidente Marius Vizer. Dopo che l'iraniano gli ha raccontato tutto, quest'ultimo gli spiega che quella che deve prendere è la più importante decisione della sua vita. Ma può fare affidamento sui valori e sugli insegnamenti del judo, per scegliere. Seppur sottoposto a un'enorme pressione, Moallei sale sul tappeto e combatte contro l'iridato, vincendo. Supera gli ottavi e arriva ai quarti, vince di nuovo e raggiunge la semifinale contro il belga Matthias Casse. Se avesse vinto, era pressoché sicuro che avrebbe combattuto Muki in finale, proprio quello che il suo paese non voleva. 


Gli agenti a casa

Nei giorni tra le gare Mollaei si muove scortato dal personale dell'Ijf che cerca di rassicurarlo e di sollevarlo dai problemi. Un membro dell'ambasciata iraniana cerca di avvicinarlo per ricordargli quello che il suo paese gli ha chiesto e l'eventuale prezzo da pagare. Il peso della paura e dell'angoscia è diventato troppo pesante anche per lui, e il colpo del ko arriva quasi allo scoccare della semifinale. Un'altra telefonata all'allenatore, stavolta da parte del presidente del Comitato olimpico iraniano Reza Salehi Amiri, che viene fatta ascoltare in vivavoce e in video-chiamata all'atleta. Agenti della Guardia nazionale sono a casa dei suoi genitori, gli dice Amiri. Per quante energie mentali un campione possa avere, stavolta Mollaei non ce la fa e viene sconfitto da Casse. Quest'ultimo poi perderà in finale contro Muki.


L'esilio

In un'intervista esclusiva ai media della Federazione, Mollaei si è aperto e ha raccontato la sua ambizione, la sua delusione e la sua paura. "Ho fatto tanti sforzi per questa finale. Ho sognato questo titolo. Oggi il Comitato olimpico dell'Iran e il ministro dello Sport mi hanno detto che non posso competere. Io sono un lottatore, vivo di competizione, ma ho paura delle conseguenze per me e la mia famiglia. Mi sono sentito perso e impaurito". Non si fida delle rassicurazioni delle autorità del paese che gli hanno detto di tornar senza timore. Mollaei si deve infliggere un esilio volontario in Germania, a Berlino, perché la sua vita è in pericolo. Questa non è una gara, è la vita vera. Ma un campione non molla, resta in piedi finché può e il judoka iraniano proverà a partecipare ad altre competizioni, se si trova la formula adatta. Il presidente dell'Ijf Vizer è al lavoro per trovare la soluzione: "Difendiamo l'integrità e dello sport e dei suoi valori come veicolo d'amicizia, pace e unità". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bullismo
MINORI VIOLENTI

Lunedì in aula la legge che toglie i bulli alle famiglie

Numero verde per le vittime e multe ai genitori che non mandano i figli a scuola
Case chiuse

Regione pappona

Il maligno non si rassegna mai, tantomeno quando viene compiuto un gesto simbolicamente fondamentale e senza...
Calzaturificio
EMPOLI

Pagati un euro l'ora: 2 arresti per caporalato

Migranti africani sfruttati in ditte calzaturiere gestite da due coniugi cinesi
Il degrado nell'ex-stabilimento Thyssen di Torino - Foto © Alessandro Di Marco per Ansa
DIRITTI UMANI

Thyssen, la Corte Europea avvia un procedimento contro Italia e Germania

I due Paesi dovranno chiarire a Strasburgo perché i manager dello stabilimento, seppure condannati, sono ancora in...
Giornata Mondiale dei Poveri 2019: logo e tema
EDIZIONE 2019

Giornata Mondiale dei Poveri: le iniziative diocesane

A Rimini un gruppo di giovani condividerà la notte con i senzatetto
Decorazioni natalizie

Sì al Natale a scuola

Si avvicina Natale e immancabilmente alcuni insegnanti, stavolta in provincia di Ancona, ripropongono il solito...
Magistratura

La Magistratura non risponde a logiche politiche

La Magistratura per sua natura ha funzione e carattere professionale. Non è un soggetto del gioco politico o...
Una veduta aerea del complesso scolastico teatro della sparatoria
IL DRAMMA

Sangue negli Usa: spari in un liceo di Santa Clarita

Uno studente di 16 anni ha ucciso due compagni, ferendone altri quattro. Arrestato, anche lui sarebbe gravemente ferito
Fotografia di Stefano Cucchi
ROMA

Caso Cucchi, 12 anni per due carabinieri

Si tratta dei due militari accusati del pestaggio. Tedesco assolto dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Prescrizione...
Jorge Lorenzo
MOTO GP

Lorenzo si ritira: ultima gara a Valencia, dove iniziò tutto

Il fuoriclasse maiorchino chiuderà la carriera dove conquistò il primo titolo mondiale: "Era meglio...
L'autoproclamatasi presidente Jeanine Áñez pronuncia il discorso prima di assumere la presidenza
BOLIVIA

La neopresidente Áñez cambia i ministri. Morales dal Messico la condanna

Rimpasto dell'esecutivo a La Paz. Aumentano le incognite di un Paese in bilico
Alvin accompagnato da due membri della Croce Rossa e Mezzaluna rossa Internazionale
AUDIZIONE PROTETTA

Il dramma di Alvin: "Ho visto morire mia mamma"

Il racconto shock del bimbo 11enne, portato in Siria proprio dalla madre unitasi al Califfato. Sei giorni fa il rientro in...