Inaugurato a Roma il primo “museo del calcio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

Un viaggio lungo quasi un secolo e mezzo, attraverso palloni, scarpini, magliette, pantaloncini, bandiere, e tutto ciò che ha fatto la storia del calcio: da ieri, a via Merulana 10, nel cuore di Roma, gli appassionati del gioco più bello del mondo hanno un nuovo punto di riferimento nel Football Museum The Fans, il primo spazio espositivo dedicato al calcio nella Capitale.

“Si tratta – spiegano gli organizzatori – di una grande novità, che ci auguriamo trasmetta tutta la passione che ci ha animato nell’allestimento di questo vero e proprio museo del calcio: qui sono esposti 200 cimeli che partono dal pallone con il quale, nel 1872, si giocò la prima gara internazionale della storia del calcio, fino alla “sfera” protagonista della finale degli ultimi Mondiali di calcio. Ci sono scarpini del 1900, quelli che usavano i pionieri di questo sport, e scarpini realizzati con le avanzatissime tecnologie attuali. E anche documenti rari, oltre a vecchie pagine di giornale, che fanno rivivere momenti epici. Insomma, quello che abbiamo messo in piedi è un percorso storico, che ha come protagonista assoluto il calcio nel corso del tempo. In definitiva, abbiamo realizzato una piccola impresa e riteniamo doveroso ringraziare The Fans, Crik Crok di Ica Food e la società Prisma, per la loro collaborazione”. L'idea del Museo e i suoi primi passi risalgono a due anni e mezzo fa su iniziativa di Aldo Rossi Merighi, presidente della Associazione S. Anna, che opera nei settori dello sport, della Cultura e della solidarietà.

L’auspicio degli organizzatori, adesso, è che il Football Museum possa diventare un punto di riferimento non solo per i calciofili, ma per tutti gli sportivi, perché il suo spazio si presta a eventi culturali e meeting e l’obiettivo è proprio quello di accogliere dibattiti e iniziative che tocchino fino al sociale, per contribuire alla rinascita della Capitale, anche attraverso la diffusione della cultura dello sport.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.