Il valzer delle punte che infiamma il mercato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34

Dal valzer sulle punte al valzer delle punte: la volata di agosto del calciomercato si gioca attorno al numero 9, inteso come quello sulle spalle dei bomber. Da Dzeko a Icardi, fino a Higuain e Milik: un intreccio di nomi che, fino a qualche anno fa, avrebbe stuzzicato l'interesse dei top club europei per ben altre ragioni e che, oggi, rischia di trasformarsi in una rosa di partecipanti a un carosello di scambi, dove ogni tassello potrebbe incastrare l'altro secondo complicate logiche di mercato. Emblematico il caso del centravanti bosniaco, che da tempo si è promesso all'Inter ma che, almeno per il momento, resta l'attaccante di riferimento della Roma, che allo stesso tempo si dedica anima e corpo alla ricerca di un sostituto all'altezza. In cima alla lista sembra esserci il nome di Higuain, considerato di troppo in una Juventus che punta forte su Lukaku dicendosi disposta addirittura a cedere Dybala al Manchester United. Il belga che era anche nei pensieri dell'Inter, fortemente voluto da Conte per rimpiazzare un esubero di lusso come Mauro Icardi, attuale separato in casa e possibile grande obiettivo del Napoli che, con lui, libererebbe il polacco Milik verso altri lidi. Ma, in modo ancora più clamoroso, l'ex capitano interista potrebbe rientrare in uno scambio (complicatissimo) con la stessa Roma, vista l'insistenza dei nerazzurri per avere Dzeko (coi giallorossi che non si smuovono dalla richiesta di 20 milioni).

Le mosse

Un giro contorto che infiamma le prime ore di agosto del calciomercato, anche se le grandi di Serie A continuano a muoversi anche su altri fronti. La più attiva sembra essere l'Inter, che cerca ancora di piazzare il colpo Dzeko tentando di affiancare al bosniaco nomi d'alto rango per la trequarti: occhi puntati in casa Barça, dove l'acquisto di De Jong potrebbe rendere di troppo almeno uno fra Rakitic e Vidal, nomi che farebbero comodo ad Antonio Conte in virtù dei possibili addii di Borja Valero e Joao Mario. Trequartista che, al momento, non sembra essere la priorità della Roma, anche e soprattutto dopo le ultimissime esternazioni di Nicolò Zaniolo (“Voglio mettere la Roma al centro di tutto”). Priorità dei giallorossi (oltre all'eventuale nuovo Dzeko) è il difensore centrale: dopo il colpo Mancini, Petrachi cerca di piazzare al suo fianco un altro centrale di livello, con il nome caldo che resta quello del belga Toby Alderweireld (per il quale il Tottenham non schioda dalla richiesta di 28 milioni, considerata eccessiva dalla Roma). Colpo in difesa che hanno invece centrato il Milan con l'acquisto di Léo Duarte dal Flamengo (affiancato dall'interessante acquisto del giovane attaccante Rafael Leao) e il Napoli, che ha strappato Manolas proprio alla Roma.

Spartitraffico Juve

Sul fronte d'attacco, l'ago della bilancia resta la Juventus: riuscisse a piazzare la zampata finale per Lukaku e qualora Dybala rientrasse nella maxi-operazione con il Manchester, i bianconeri risolverebbero la questione della partnership d'attacco con Ronaldo, lasciando al contempo l'Inter con la grana Icardi, dal momento che il nerazzurro sembrava aver messo proprio la Juve come unica possibile destinazione in Italia. Dovesse sfumare anche questa pista, Maurito sarebbe costretto a guardarsi intorno e, a quel punto, potrebbero riprendere quota le altre ipotesi italiane (forse più Napoli che Roma), con Dzeko sempre in orbita Inter sullo sfondo. E chissà, a quel punto l'incastro potrebbe convincere anche Higuain a rivalutare la pista capitolina, dove però i tifosi sono divisi circa il suo arrivo. Ma questo è un altro discorso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.